1 2 3 18 Previous Next

Sala Stampa

263 Posts

L'azienda registra livelli trimestrali record nelle forniture di microprocessori

Utile netto di 2,8 miliardi di dollari, +40% rispetto all'anno precedente

La società intende riacquistare 4 miliardi di dollari di proprie azioni nel terzo trimestre

 

ASSAGO (Milano), 16 luglio 2014 -- Intel Corporation ha reso noto il fatturato del secondo trimestre, pari a 13,8 miliardi di dollari, con un risultato operativo di 3,8 miliardi di dollari, utili netti di 2,8 miliardi di dollari e utili per azione di 0,55 dollari. Intel ha generato circa 5,5 miliardi di dollari in liquidità dalle proprie operazioni, ha pagato dividendi per un valore di 1,1 miliardi di dollari e ha impiegato 2,1 miliardi di dollari per riacquistare 74 milioni delle proprie azioni.

"I risultati ottenuti nel secondo trimestre hanno dimostrato l'efficacia della nostra strategia, che prevede di estendere la portata della tecnologia Intel dai data center ai PC e all'Internet delle cose", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. "Con l'accelerazione della rampa produttiva della nostra famiglia di SoC Bay Trail abbiamo esteso la nostra presenza a nuovi segmenti di mercato, come i sistemi basati su Chrome, e siamo a buon punto per raggiungere il nostro obiettivo di fornitura per 40 milioni di tablet. Abbiamo inoltre raggiunto un importante obiettivo di qualificazione per i nostri imminenti prodotti Broadwell a 14 nm, e prevediamo che i primi sistemi appaiano sugli scaffali dei punti vendita nel periodo delle festività".

Intel ha annunciato che intende restituire più denaro ai propri azionisti riducendo ulteriormente il proprio saldo di cassa tramite maggiori riacquisti di azioni. Il Consiglio di amministrazione ha autorizzato un incremento di 20 miliardi di dollari del programma di riacquisto di azioni e l'azienda prevede di riacquistare proprie azioni per circa 4 miliardi di dollari nel terzo trimestre, con ulteriori riacquisti nel quarto trimestre. Nel corso dell'ultimo decennio, Intel ha restituito circa 90 miliardi di dollari ai propri investitori tramite dividendi e riacquisti di azioni.

"Questo cambiamento nella nostra struttura del capitale rappresenta la prosecuzione di un impegno pluriennale volto a creare valore e restituire denaro ai nostri azionisti e rafforza la nostra fiducia nel business", ha affermato Stacy J. Smith, CFO e Executive Vice Presidente di Intel.

“I risultati finanziari annunciati oggi denotano segnali positivi anche nei diversi ambiti del mercato Italiano. Innanzitutto prosegue l’andamento favorevole del segmento enterprise, che rappresenta un’area in forte crescita per il nostro Paese; segnaliamo in particolare l’adozione della più recente tecnologia di processore Intel Xeon E7 v2 da parte di aziende Italiane, che come ad esempio Ubi Banca hanno scelto l’architettura Intel X86 per le future applicazioni di in-memory database e mission critical. Inoltre nei mesi scorsi, anche sul fronte Internet of Things l’Italia si è distinta soprattutto nel settore del vending, che ci vede leader di mercato a livello mondiale: non a caso è stata scelta proprio la fiera internazionale Venditalia 2014 per la presentazione dell’Intel reference design for Intelligence Vending, una piattaforma tecnologica che si propone di rivoluzionare tangibilmente questo mercato verticale. Ma è soprattutto sul comparto consumer che il mercato ICT è stato caratterizzato da una significativa ripresa: in un Paese come il nostro votato da sempre alla mobilità, la sopravvenuta disponibilità di nuovi design ed il crescente avanzamento di Intel sul mercato dei cosiddetti dispositivi 2 in 1 e dei tablet a prezzi accessibili, ci hanno permesso di crescere in volumi e di guardare con rinnovata fiducia ai prossimi mesi”, ha commentato Maurizio Riva, Direttore Clienti Multinazionali di Intel EMEA.

Andamenti delle principali unità aziendali in Q2:

  • Fatturato del PC Client Group di 8,7 miliardi di dollari, +9% rispetto al trimestre precedente e +6% rispetto all’anno precedente.
  • Fatturato del Data Center Group di 3,5 miliardi di dollari, +14% rispetto al trimestre precedente e +19% rispetto all’anno precedente.   
  • Fatturato dell'Internet of Things Group di 539 milioni di dollari, +12% rispetto al trimestre precedente e +24% rispetto all’anno precedente.
  • Fatturato del Mobile and Communications Group di 51 milioni di dollari, -67% rispetto al trimestre precedente e -83% rispetto all’anno precedente.
  • Fatturato dei segmenti operativi Software e servizi di 548 milioni di dollari, -1% rispetto al trimestre precedente e +3% rispetto all’anno precedente.

Confronti finanziari

Trimestrali

 

Q2 2014

Q1 2014

Rispetto a Q1 2014

Fatturato

13,8 miliardi di $

12,8 miliardi di $

+8%

Margine lordo

64,5%

59,6%

+4,9 punti

R&D e MG&A

4,9 miliardi di $

4,9 miliardi di $

+1%

Risultato operativo

3,8 miliardi di $

2,5 miliardi di $

+53%

Oneri fiscali

28,7%

27,7%

+1 punto

Utile netto

2,8 miliardi di $

1,9 miliardi di $

+45%

Utili per azione

55 centesimi

38 centesimi

+45%

 

 

Confronti finanziari

Rispetto all'anno precedente

 

Q2 2014

Q2 2013

Rispetto a Q2 2013

Fatturato

13,8 miliardi di $

12,8 miliardi di $

+8%

Margine lordo

64,5%

58,3%

+6,2 punti

R&D e MG&A

4,9 miliardi di $

4,7 miliardi di $

+5%

Risultato operativo

3,8 miliardi di $

2,7 miliardi di $

+41%

Oneri fiscali

28,7%

25,7%

+3 punti

Utile netto

2,8 miliardi di $

2 miliardi di $

+40%

Utili per azione

55 centesimi

39 centesimi

+41%

 

Previsioni finanziarie

Le previsioni finanziarie Intel non tengono conto del potenziale impatto di eventuali alleanze aziendali, acquisizioni di asset, disinvestimenti, investimenti strategici e altre transazioni significative che potrebbero essere completati dopo il 15 luglio.

Q3 2014

• Fatturato: 14,4 miliardi di dollari, più o meno 500 milioni di dollari.

• Margine lordo percentuale: 66%, più o meno un paio di punti percentuali.

• Spese R&D più MG&A: circa 4,9 miliardi di dollari.

• Oneri di ristrutturazione: circa 20 milioni di dollari.

• Ammortamento delle variabili non quantificabili legate alle acquisizioni: circa 65 milioni di dollari.

• Impatto di investimenti e interessi e proventi diversi: zero circa.

• Ammortamenti: circa 1,9 miliardi di dollari

• Oneri fiscali: circa 28%.

Intero anno 2014

• Fatturato: crescita del 5% circa, leggermente superiore rispetto alle stime precedenti.

• Margine lordo percentuale: 63%, più o meno un paio di punti percentuali, in linea con le stime precedenti.

• Spese R&D più MG&A: 19,3 miliardi di dollari, più o meno 200 milioni di dollari, leggermente superiori rispetto alle stime precedenti di 19,2 miliardi di dollari.

• Ammortamento delle variabili non quantificabili legate alle acquisizioni: circa 300 milioni di dollari, invariato rispetto alle stime precedenti.

• Ammortamenti: circa 7,4 miliardi di dollari, invariati rispetto alle stime precedenti.

• Oneri fiscali: per ognuno dei trimestri rimanenti del 2014 sono tuttora previsti di circa il 28%, valore invariato rispetto alle aspettative precedenti.

• Investimenti di capitale per l'intero anno: 11 miliardi di dollari, più o meno 500 milioni di dollari, invariati rispetto alle stime precedenti.

 

Per ulteriori informazioni sui risultati e sul Business Outlook di Intel, consultate il commento del CFO all'indirizzo: www.intc.com/results.cfm.

 

Stato delle considerazioni di mercato

Il Business Outlook di Intel viene pubblicato su intc.com e le considerazioni in esso contenute potrebbero essere ribadite in occasione di incontri pubblici o privati con investitori e altri soggetti. Il Business Outlook risulterà valido fino alla chiusura della giornata lavorativa del 12 settembre, a meno che non venga aggiornato prima di tale data; fatta eccezione per le previsioni relative ad ammortamento delle variabili non quantificabili legate alle acquisizioni, impatto di investimenti e interessi e proventi diversi, oneri di ristrutturazione e oneri fiscali, che saranno valide solo fino alla fine della giornata lavorativa del 22 luglio. Intel attraverserà un “Quiet Period” a partire dalla fine della giornata lavorativa del 12 settembre e fino alla diffusione dei risultati finanziari dell’azienda per il terzo trimestre, prevista per il 14 ottobre. Durante il Quiet Period, tutte le considerazioni di mercato e altre previsioni future rese note nei comunicati stampa e nei documenti dell’azienda depositati presso la SEC dovranno essere considerate superate, poiché si riferivano esclusivamente alla situazione precedente il Quiet Period, e non verranno aggiornate dalla società.


Fattori di rischio

Le affermazioni contenute nel presente documento, che si riferiscono a progetti e aspettative per il terzo trimestre, l’intero anno e il futuro, sono previsioni della società e, in quanto tali, sono soggette a cambiamenti dovuti a diversi fattori di rischio e incertezze. Termini come "prevede", "si aspetta", "intende", "pianifica", "ritiene", "cerca", "stima", "potrebbe", "vorrebbe", "dovrebbe" e le possibili variazioni indicano affermazioni sul futuro. Anche le affermazioni che si riferiscono a o sono basate su proiezioni, eventi incerti o presupposti identificano affermazioni sul futuro. Molteplici aspetti potrebbero avere impatto sui risultati effettivi di Intel, ed eventuali scostamenti rispetto alle aspettative attuali di Intel in merito a tali variabili potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano in modo considerevole da quanto espresso in queste previsioni. Intel ritiene attualmente che i seguenti elementi rappresentino i fattori di rischio determinanti che potrebbero comportare una differenza sostanziale tra i risultati effettivi e le previsioni della società.

• La domanda di prodotti di Intel è altamente variabile e, negli ultimi anni, Intel ha riscontrato un calo degli ordini nel tradizionale segmento di mercato dei PC. Tra le variabili che potrebbero influenzare la domanda rispetto alle previsioni Intel ricordiamo cambiamenti nelle condizioni di mercato ed economiche, la fiducia o i livelli di reddito dei consumatori, l’accettazione da parte dei clienti dei prodotti Intel e di quelli della concorrenza, pressioni della concorrenza e dei prezzi, incluse azioni intraprese dai concorrenti, limitazioni nella fornitura e altre interruzioni che potrebbero avere effetto sui clienti, cambiamenti nell’andamento degli ordinativi dei clienti, compresi eventuali annullamenti di ordini, cambiamenti nei livelli di inventario dei clienti.

• Intel opera in settori altamente competitivi e le sue attività sono caratterizzate da costi elevati fissi oppure difficili da ridurre nel breve periodo.

• Il margine lordo percentuale di Intel potrà variare in modo significativo dalle aspettative in base a sfruttamento della capacità produttiva, variazioni nella valutazione dell’inventario, comprese variazioni legate alla tempistica dei prodotti qualificati per la vendita, variazioni nei livelli di fatturato, mix dei segmenti di prodotti, tempi legati all’esecuzione della rampa produttiva nonché costi associati, eccesso o obsolescenza dell’inventario, variazioni nei costi unitari, difetti o interruzioni nella fornitura di materiali o risorse e qualità/resa della produzione. Le variazioni nel margine lordo possono essere causate anche dai tempi di introduzione dei prodotti Intel e dalle relative spese, comprese le spese di marketing, e dalla capacità di Intel di rispondere rapidamente agli sviluppi tecnologici e di introdurre nuovi prodotti o incorporare nuove funzionalità nei prodotti esistenti, che possono comportare oneri di ristrutturazione e perdite di valore delle risorse.

• Le aspettative relative agli oneri fiscali sono basate sulla normativa fiscale in vigore e sul reddito attualmente previsto. Gli oneri fiscali possono essere influenzati dalle giurisdizioni in cui i profitti vengono realizzati e tassati, da variazioni nelle stime di crediti, benefici e deduzioni, dalla risoluzione di dispute derivanti da verifiche fiscali con diversi enti fiscali, compresi pagamenti di interessi e multe, nonché dalla capacità di ottenere imposte differite.

• L'importo, le tempistiche ed altre attuazioni del programma di riacquisto di azioni di Intel potrebbero venire influenzati da cambiamenti delle priorità di Intel per quanto riguarda l'impiego di denaro per altri scopi, come ad esempio spese operative, investimenti di capitale, acquisizioni e investimento e mutamenti dei flussi di denaro e delle legislazioni fiscali.

• Guadagni o perdite derivanti da investimenti azionari, interessi o altro possono variare rispetto alle aspettative in base alla realizzazione dei profitti o alle perdite derivanti da vendita, scambio, variazioni nel valore equo o perdite derivanti da titoli di debito o investimenti azionari, tassi di interesse, rimanenze di cassa e variazioni nel valore equo di strumenti derivati.

• I risultati Intel potrebbero venire influenzati da condizioni economiche, sociali, politiche e fisiche/infrastrutturali avverse che dovessero verificarsi nei Paesi in cui operano Intel, i suoi clienti o fornitori, tra cui conflitti militari e altri rischi legati alla sicurezza, calamità naturali, interruzioni a livello di infrastrutture, problemi sanitari e fluttuazioni nei tassi di cambio delle valute estere.

• I risultati Intel potrebbero essere influenzati dalle tempistiche delle chiusure di acquisizioni, disinvestimenti e altre transazioni significative.

• I risultati Intel possono inoltre venire influenzati dall’impatto negativo derivante da prodotti difettosi o contenenti errata (valori diversi da quelli indicati dalle specifiche) e da dispute legali o regolamentazioni riguardanti proprietà intellettuale, rapporti con investitori e consumatori, antitrust, divulgazione e altro. Decisioni sfavorevoli potrebbero comportare danni economici oppure un’ingiunzione potrebbe impedire a Intel di produrre o vendere uno o più prodotti, precludendo specifiche attività aziendali e impattando la capacità di Intel di progettare i propri prodotti, e potrebbe richiedere altre risoluzioni come la concessione in licenza obbligatoria di proprietà intellettuale.

Questi fattori, nonché altri elementi che potrebbero influenzare i risultati effettivi di Intel, vengono presi in esame più nel dettaglio nell’ambito dei documenti SEC (Securities & Exchange Commission) della società, inclusi i report dei Form 10-K e 10-Q più recenti.

Webcast sui risultati finanziari

Un webcast pubblico ha avuto luogo alle 2 p.m. PDT del 15 luglio sul sito Web Intel Investor Relations all’indirizzo www.intc.com. Il replay del webcast e il download dell’audio in formato MP3 sono disponibili sul sito.

Intel prevede di diffondere i risultati finanziari del terzo trimestre 2014 il 14 ottobre. Seguirà un commento di Stacy J. Smith, CFO e Executive Vice President di Intel, che sarà disponibile all’indirizzo www.intc.com/results.cfm. Un webcast pubblico della conferenza stampa dei risultati finanziari Intel sarà disponibile dalle 2 p.m. PDT sul sito www.intc.com.

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell’innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina conflictfree.intel.com.

Il processore Intel® Xeon Phi™ di prossima generazione con fabric Intel® Omni Scale integrato offrirà prestazioni fino a 3 volte più elevate rispetto alla precedente generazione, con consumi ridotti.

PUNTI PRINCIPALI

  • Annunciati i dettagli sulle novità della microarchitettura e memoria del processore Intel® Xeon Phi™ di prossima generazione (nome in codice Knights Landing), sviluppato per potenziare sistemi di HPC nel secondo semestre del 2015.
  • Annunciato il fabric Intel® Omni Scale per sistemi HPC di prossima generazione, un'interconnessione end-to-end ottimizzata per trasferimenti dati veloci, latenze ridotte e una maggiore efficienza.
  • Il fabric Intel Omni Scale, inizialmente disponibile sotto forma di componenti dedicate nel 2015, sarà anche integrato nel processore Intel Xeon Phi di prossima generazione (Knights Landing) e nei futuri processori Intel® Xeon® a 14 nm.
  • Intel conferma la propria leadership nel segmento dell'HPC con oltre l'85% di tutti i supercomputer elencati nella versione più recente della classifica TOP500* basati su processori Intel Xeon.     

INTERNATIONAL SUPERCOMPUTING CONFERENCE (ISC), Lipsia, 23 giugno 2014 – Intel Corporation ha annunciato ulteriori dettagli sui processori Intel® Xeon Phi™ di prossima generazione, nome in codice “Knights Landing”, che promettono di estendere i benefici degli investimenti sull’aggiornamento del codice fatti sui prodotti della generazione attuale. Questi comprendono un nuovo fabric ad alta velocità che sarà integrato on-package e una memoria ad ampia larghezza di banda, che nell'insieme consentono di accelerare il ritmo della scoperta scientifica. Le attuali versioni di memorie e fabric sono disponibili sotto forma di componenti dedicate nei server, limitando le prestazioni e la densità dei supercomputer.

La nuova tecnologia interconnessa, denominata Intel® Omni Scale Fabric, è progettata per rispondere ai requisiti dell'HPC (High Performance Computing) del futuro e verrà integrata nei processori Intel Xeon Phi di prossima generazione, oltre che nei futuri processori generici Intel® Xeon®. Questa integrazione, insieme all'architettura del fabric ottimizzata per l'HPC, è destinata a soddisfare i requisiti di prestazioni, scalabilità, affidabilità, energia e densità delle future implementazioni HPC, oltre ad offrire un equilibrio tra prezzo e prestazioni a partire dai sistemi di fascia entry level fino alle implementazioni su vasta scala.

"Intel sta ridefinendo i fondamentali dei sistemi HPC grazie all'integrazione del fabric Intel Omni Scale in Knights Landing", ha affermato Charles Wuischpard, Vice President e General Manager dei settori workstation e HPC di Intel. "Questa novità segna un punto di svolta e un traguardo importante per il settore dell’HPC. Knights Landing sarà il primo vero processore many-core progettato per risolvere le attuali sfide associate a prestazioni di I/O e memoria. Consentirà ai programmatori di fare leva sull'attuale codice e sui modelli di programmazione standard per ottenere notevoli guadagni prestazionali con un'ampia gamma di applicazioni. La progettazione della piattaforma, il modello di programmazione e le prestazioni bilanciate di questo processore rappresentano il primo passo percorribile verso scenari Exascale".

Knights Landing: integrazione senza pari

Knights Landing sarà disponile come processore standalone montato direttamente nel socket della scheda madre in aggiunta all'opzione di scheda basata su PCIe. L'opzione su socket rimuove le complessità della programmazione e i colli di bottiglia della larghezza di banda per i trasferimenti di dati tramite PCIe, comuni nelle soluzioni di GPU e acceleratori. Intel ha inoltre riportato che, al momento del lancio, Knights Landing includerà fino a 16 GB di memoria on-package ad ampia larghezza di banda. Progettata in collaborazione con Micron*, questa nuova memoria offre una larghezza di banda cinque volte superiore rispetto alla memoria DDR41, un'efficienza energetica cinque volte maggiore2 e una densità tre volte più elevata2 rispetto all'attuale memoria basata su GDDR. In combinazione con il fabric Intel Omni Scale integrato, la memoria consentirà di installare Knights Landing come elemento di elaborazione di base indipendente, con un risparmio di spazio ed energia grazie alla riduzione del numero di componenti. 

Potenziato da oltre 60 core basati su architettura Silvermont modificata per HPC, Knights Landing è progettato per offrire più di 3 TFLOPS di prestazioni a doppia precisione3, oltre a prestazioni single-threaded tre volte superiori4 rispetto all'attuale generazione. Come processore standalone per server, Knights Landing supporterà memorie DDR4 con capacità e larghezza di banda paragonabili a quelle delle piattaforme basate su processori Intel Xeon, supportando applicazioni con footprint di memoria molto più ampio. Knights Landing sarà compatibile a livello binario con i processori Intel Xeon5, consentendo agli sviluppatori di software di riutilizzare tutto il codice esistente.

Per i clienti che preferiscono componenti dedicati e un percorso rapido di upgrade senza la necessità di aggiornare altri componenti di sistema, saranno disponibili controller Knights Landing e Intel Omni Scale Fabric sotto forma di schede add-on separate basate su PCIe. Tra la versione attuale del fabric Intel® True Scale e le future versioni del fabric Intel Omni Scale esiste compatibilità a livello di applicazioni, in modo che i clienti possano passare alla nuova tecnologia di fabric senza cambiare le loro applicazioni. Per i clienti che acquistano oggi il fabric Intel True Scale, Intel offrirà un programma per effettuare l'upgrade al fabric Intel Omni Scale non appena sarà disponibile.

I processori Knights Landing sono pianificati per potenziare sistemi di HPC nel secondo semestre del 2015, con molti altri a seguire. In aprile, ad esempio, il National Energy Research Scientific Computing Center (NERSC) ha annunciato un'installazione HPC pianificata per il 2016, per la gestione di più di 5.000 utenti e oltre 700 progetti scientifici su larga scala. 

"Siamo entusiasti della partnership con Cray e Intel per lo sviluppo del nuovo supercomputer del NERSC, 'Cori'", ha affermato Sudip Dosanjh, Direttore del Lawrence Berkeley National Laboratory del NERSC. "Cori sarà costituito da oltre 9.300 processori Intel Knights Landing e servirà da trampolino di lancio per l'Exascale tramite un modello di programmazione accessibile. Anche il nostro codice, che presenta spesso limitazioni di larghezza di banda della memoria, trarrà grande vantaggio dalla memoria on-package ad alta velocità di Knights Landing. Ci auguriamo di favorire il progresso scientifico in modi che non sono ancora possibili con gli attuali supercomputer".

      

Nuova infrastruttura di rete e nuove velocità con fabric Intel Omni Scale

Il fabric Intel Omni Scale è progettato e ottimizzato per la prossima generazione dell'HPC. È basato su una combinazione di IP all'avanguardia acquisita da Cray e QLogic e delle innovazioni interne di Intel. Includerà una linea completa di prodotti costituita da schede di rete, switch edge, sistemi di switch director, gestione di fabric open source e strumenti software. Inoltre, i tradizionali componenti elettrici di trasmissione e ricezione disponibili negli switch director dell'infrastruttura di rete attuale saranno sostituiti da soluzioni basate su fotonica in silicio Intel®, che favoriranno una maggiore densità delle porte, cablaggio semplificato e costi ridotti6. Le soluzioni di cablaggio e componenti di ricezione e trasmissione basati sulla fotonica del silicio potranno essere utilizzati con i processori che integrano già l’Intel Omni Scale, adattatori e switch edge.

Continua il grande slancio del supercomputing Intel

L'attuale generazione di processori Intel Xeon e di coprocessori Intel Xeon Phi è installata nel sistema più potente del mondo, il “Milky Way 2” a 35 PFLOPS in Cina.Il coprocessore Intel Xeon Phi è inoltre disponibile in più di 200 progetti OEM in tutto il mondo.

I sistemi basati su tecnologia Intel rappresentano l’85% di tutti i supercomputer della 43esima edizione della lista TOP500 annunciata oggi e il 97% di tutte le new entry. A distanza di soli 18 mesi dall'introduzione dei primi prodotti Intel con architettura many-core, i sistemi basati sui coprocessori Intel Xeon Phi rappresentano già il 18% delle prestazioni aggregate di tutti i supercomputer dell'elenco TOP500. L'elenco completo è disponibile su www.top500.org.

Per ottimizzare le applicazioni per l'elaborazione many-core, Intel ha inoltre istituito più di 30 Intel Parallel Computing Center (IPCC) in collaborazione con università e istituti di ricerca a livello mondiale. Gli attuali investimenti nell'ottimizzazione parallela con il coprocessore Intel Xeon Phi proseguiranno con Knights Landing, dato che le ottimizzazioni con linguaggi di programmazione comuni e basati su standard persistono con una ricompilazione. Ulteriori ottimizzazioni saranno disponibili per trarre vantaggio dalle nuove funzionalità innovative.

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell’innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina conflictfree.intel.com.

PUNTI PRINCIPALI

  • 130 nuovi tablet Android e Windows basati su Intel debuttano sul mercato quest'anno da OEM e ODM globali, e oltre una dozzina vengono annunciati durante il Computex.
  • Presentato il primo design al mondo con processo di produzione a 14 nm: un dispositivo 2 in 1 staccabile e privo di ventola basato sul nuovo processore Intel® Core™ M, disponibile più avanti nel corso dell'anno.
  • Effettuata la prima telefonata con il primo smartphone basato su SoC mobile integrato Intel (SoFIA).
  • Introdotti i primi processori Intel che operano a 4 GHz su quattro core contemporaneamente: i processori Intel® Core™ di quarta generazione sbloccati per utenti entusiasti.
  • Presentati i progressi raggiunti relativamente alla visione di Intel di offrire tecnologie basate su fotocamere 3D e riconoscimento vocale per rendere possibile un'interazione più naturale e intuitiva con i dispositivi di computing.

 

COMPUTEX, Taipei (Taiwan), 4 giugno 2014 – Renée James, Presidente di Intel Corporation, ha affermato che Intel e l'ecosistema tecnologico di Taiwan hanno l'opportunità di sfruttare la lunga storia di innovazione collaborativa per offrire esperienze di personal computing più coinvolgenti e personali.

La tecnologia dei processori continua a raggiungere dimensioni inferiori con prestazioni maggiori e consumi energetici minori grazie alla Legge di Moore, estendendo in questo modo la scalabilità e il potenziale della tecnologia di Intel e dell'ecosistema di Taiwan, dalle infrastrutture per il cloud computing e l'Internet delle cose al personal e mobile computing fino alla tecnologia indossabile.

"I confini tra le categorie tecnologiche si stanno sfumando, man mano che l'era del computing integrato attraversa una fase in cui i formati dei dispositivi contano meno dell'esperienza offerta nel momento in cui tutti sono connessi tra di loro e con il cloud", ha dichiarato James. "Che si tratti di uno smartphone, una maglietta intelligente, un dispositivo 2 in 1 ultra sottile o un nuovo servizio cloud per edifici intelligenti equipaggiati con sistemi connessi, Intel e l'ecosistema di Taiwan hanno l'opportunità di accelerare e fornire tutti i vantaggi di un mondo di computing intelligente, integrato e connesso sempre e ovunque".

James ha evidenziato le tecnologie, i prodotti e le collaborazioni di Intel con l'ecosistema taiwanese, destinati a rendere possibile una nuova ondata di dispositivi intelligenti, integrati e connessi tra di loro, con il cloud e con le vite degli utenti.

Il personal computing è oggi disponibile in ogni tipo di formato, dimensioni ed esperienze

  James ha osservato che la Legge di Moore costituisce le fondamenta e consente di ridurre i costi per i formati sempre più piccoli, caratterizzati da prestazioni elevate e da consumi inferiori, caratteristiche che le persone ormai si aspettano.

  Sottolineando questo aspetto, James ha illustrato l'impegno di Intel nell’offrire un'ampia gamma di SoC e opzioni di comunicazione per tablet e smartphone in una vasta gamma di formati, fasce di prezzo e sistemi operativi. James ha fatto notare come Intel vanta attualmente 130 design win di tablet, già disponibili sul mercato o che verranno introdotti quest'anno da parte di OEM e ODM globali. Più di una dozzina di tablet basati su tecnologia Intel verranno annunciati nel corso del Computex. Circa il 35% dei design di tablet basati su processori Intel Atom integrano già o integreranno soluzioni di comunicazione di Intel.

James ha inoltre affermato che la piattaforma Intel® XMM™ 7260 LTE-Advanced di categoria 6 è attualmente in fase di fornitura ai clienti per i test di interoperabilità, e ha sottolineato che ciò posiziona Intel in un ruolo di leadership. Questa nuova tecnologia sarà disponibile nei dispositivi nei prossimi mesi.

  Il dirigente di Foxconn* Young Liu ha raggiunto sul palco James per presentare più di 10 tablet basati su Intel già disponibili o in arrivo, che spaziano dal segmento di fascia entry level a quello ad elevate prestazioni. Questi tablet sono basati su SoC di processori Intel® Atom™ (nome in codice “Bay Trail” o “Clovertrail+”), e molti modelli includono piattaforma di comunicazione 3G o LTE di Intel.

  Osservando i progressi raggiunti con l'immissione sul mercato (nel quarto trimestre di quest'anno) della prima piattaforma SoC mobile integrata di Intel per smartphone e tablet entry level e a costi contenuti, James ha effettuato la prima telefonata in pubblico usando un reference design per smartphone basato sulla soluzione dual-core Intel SoFIA 3G. Intel introdurrà inoltre sul mercato un componente quad-core SoFIA LTE nella prima metà del 2015 e ha annunciato la scorsa settimana un accordo strategico con Rockchip per aggiungere alla famiglia SoFIA un'iterazione quad-core SoFIA 3G per tablet entry level, anch'essa prevista per la prima metà del prossimo anno.

James ha inoltre presentato un reference design Intel per PC portatili privo di ventola e basato su processo di produzione a 14 nm, il primo disponibile al mondo. Questo dispositivo 2 in 1 con schermo da 12,5 pollici ha uno spessore di 7,2 mm, è dotato di una sottile tastiera staccabile e pesa 670 grammi. Include un media dock che fornisce raffreddamento supplementare per potenziare le prestazioni. Il design innovativo è basato sul primo processore di prossima generazione Broadwell di Intel a 14 nm, progettato appositamente per i dispositivi 2 in 1, che sarà disponibile sul mercato più avanti nel corso dell'anno. Denominato processore Intel® Core™ M, sarà il processore Intel Core caratterizzato dalla maggiore efficienza energetica nella storia dell'azienda1. La maggior parte dei progetti basati su questo nuovo chip sarà priva di ventola ed offrirà sia tablet super veloci che notebook estremamente sottili.

Intel sta anche offrendo innovazione e prestazioni agli utenti di PC più esigenti. In quest'ambito, James ha introdotto le SKU “K” dei processori Intel® Core™ i7 e i5 di quarta generazione, le prime ad offrire quattro core con una frequenza di base fino a 4 GHz. Questi processori per PC desktop, realizzati per gli utenti entusiasti, offrono prestazioni superiori e rendono possibili nuovi livelli di capacità di overclocking. La fornitura per la produzione verrà avviata a giugno di quest’anno.

Per i data center che richiedono livelli particolarmente elevati di prestazioni di I/O, James ha introdotto la famiglia di unità Solid State Drive Intel® per data center per PCIe, per soddisfare l'esigenza crescente di soluzioni di storage ad elevate prestazioni e affidabili per i data center, in grado anche di ridurre i costi complessivi di gestione. Queste unità saranno ampiamente disponibili nel terzo trimestre di quest'anno.

Affinché il computing diventi più personale - ha osservato James - deve poter soddisfare le aspettative degli utenti, rendendo l'interazione più naturale e intuitiva. James ha presentato le collaborazioni e le nuove innovazioni destinate a portare la tecnologia Intel® RealSense™ e le fotocamere 3D, unitamente alle applicazioni che le supportano, a un maggior numero di dispositivi 2 in 1, all-in-one, tablet e altri dispositivi di personal computing. James ha annunciato che il kit di sviluppo software Intel RealSense 2014 sarà disponibile per gli sviluppatori nel terzo trimestre del 2014, offrendo la possibilità di creare interfacce utente naturali e intuitive a tutti i livelli di capacità. Sottolineando il supporto e l'impegno di Intel nei confronti dell'ecosistema software, l'azienda organizzerà il concorso Intel RealSense App Challenge 2014 da 1 milione di dollari, la cui fase ideativa comincerà nel terzo trimestre del 2014.

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell’innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto.

Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina conflictfree.intel.com.

Nuovi prodotti Intel, investimenti e iniziative di ricerca per le auto connesse e la guida autonoma

 

PUNTI PRINCIPALI

  • Le soluzioni in-vehicle offrono ai produttori di automobili piattaforme integrate per accelerare lo sviluppo di caratteristiche per l’infotainment e la sicurezza nelle auto.
  • I progetti di ricerca Personal Vehicle Experience e Secure My Connected Car offrono ai costruttori automobilistici informazioni dettagliate sull'esperienza utente e la sicurezza in auto.
  • Intel investe 100 milioni di dollari dell'Intel Connected Car Fund in ZMP, sviluppatore di piattaforme per la guida autonoma.
  • Intel collabora con nuove realtà dell'ecosistema automobilistico e con importanti produttori di auto per accelerare la disponibilità di nuove esperienze. 

ASSAGO (Milano), 30 maggio 2013 – Per accelerare l'innovazione verso un futuro di veicoli autonomi, Intel Corporation ha annunciato la disponibilità di una famiglia di prodotti hardware e software denominata soluzioni In-Vehicle Intel®, oltre che di ulteriori investimenti e attività avanzate di ricerca tecnologica con l'obiettivo di favorire l'evoluzione dell'auto perché possa offrire informazioni più mirate, una maggiore assistenza e, a tempo debito, possa assumere il controllo della guida. 

  L’Internet of Things Group di Intel ha ottenuto un fatturato di 482 milioni di dollari nel primo trimestre, in crescita del 32% rispetto all’anno precedente, trascinato da una forte domanda di sistemi di In-Vehicle Infotainment (IVI). Intel ritiene che la tecnologia che sarà alla base del futuro della guida sia in rapida evoluzione e, tramite attività di ricerca, investimenti e nuovi prodotti, sarà in grado di contribuire a definire il futuro delle esperienze di guida e ad accelerarne l'introduzione sul mercato.

"Per rafforzare ulteriormente la partnership tecnologica di Intel con il settore automotive in vista del futuro, abbiamo deciso di unire la nostra vasta esperienza nell'elettronica di largo consumo e nell'IT aziendale con un investimento a 360 gradi nel settore attraverso lo sviluppo di prodotti, partnership di settore e iniziative avanzate di ricerca", ha affermato Doug Davis, Corporate Vice President dell'Internet of Things Group di Intel. "Il nostro obiettivo è accelerare l'evoluzione delle caratteristiche per il comfort oggi disponibili nelle auto verso caratteristiche avanzate di sicurezza del futuro, e in definitiva a funzionalità di guida autonoma".

Intel lancia la piattaforma di soluzioni In-Vehicle

Le soluzioni In-Vehicle Intel® costituiscono una famiglia di prodotti hardware e software progettati per consentire a costruttori di auto e relativi fornitori di offrire ai consumatori le esperienze a bordo dei veicoli che richiedono, in modo più rapido e immediato e riducendo allo stesso tempo i costi di sviluppo. La famiglia di prodotti include una gamma di moduli di computing, uno stack integrato di sistema operativo più middleware e kit di sviluppo.

Intel prevede che il proprio approccio verso piattaforme standardizzate, basato su prodotti hardware e software integrati e validati, sia destinato ad abbreviare i tempi di sviluppo di soluzioni di infotainment di oltre 12 mesi e a ridurre i costi fino al 50%1, consentendo in questo modo ai produttori di auto di applicare le risorse ingegneristiche a innovazioni tecnologiche e esperienze a bordo auto ottimizzate.

I primi prodotti disponibili sono progettati per sistemi IVI con funzionalità evolute di assistenza al guidatore, mentre i prodotti futuri sono destinati ad esperienze avanzate di guida come la guida autonoma o le auto che si guidano da sole. 

Intel guida la ricerca nella tecnologia del settore automotive

Le iniziative di ricerca nel settore automobilistico sviluppate da Intel esplorano le possibilità offerte dalla tecnologia per rendere disponibili nuove esperienze, in cui le nostre auto saranno in grado di riconoscerci e adattarsi alle nostre esigenze, alleggerendo il peso della guida e aiutandoci a raggiungere le nostre destinazioni con una maggiore sicurezza ed efficienza. 

Il nuovo progetto di ricerca Personal Vehicle Experience è destinato a identificare gli aspetti positivi e negativi riscontrati dai guidatori. L'obiettivo è scoprire che cosa si aspettano le persone dalle loro auto e in che modo le automobili possano diventare più adattabili e predittive e come possano interagire maggiormente con i guidatori e l'ambiente circostante.

Intel riconosce anche l'importanza fondamentale della sicurezza nel futuro della guida. Il progetto di ricerca Secure My Connected Car di Intel è stato istituito per identificare le sfide e le minacce delle auto connesse. Dimostra le potenziali vulnerabilità del sistema telematico dell'auto e come sia possibile proteggere i componenti critici hardware e software di bordo con la protezione in memoria. Questa tecnologia può quindi essere abbinata con la tecnologia di whitelisting McAfee di Intel Security per una protezione completa dell'auto connessa.

Etnografi, antropologi e ingegneri Intel sono impegnati in un'ampia varietà di progetti di ricerca il cui obiettivo è aumentare la sicurezza delle strade e identificare i modi più sicuri e intuitivi per interagire con i veicoli. Funzionalità avanzate di rilevamento, calcolo e dati interconnessi rivoluzioneranno il nostro modo di viaggiare e di mantenere i contatti.

Intel investe nel settore automobilistico

Nel 2012, Intel ha istituito l'Intel Capital Connected Car Fund da 100 milioni di dollari per accelerare la transizione del settore automobilistico verso la perfetta connettività tra veicolo e dispositivi di elettronica di largo consumo, oltre a favorire lo sviluppo di nuove tecnologie che renderanno disponibili funzionalità di guida autonoma. L'investimento più recente del fondo Intel è stato effettuato in ZMP*, che si occupa dello sviluppo di piattaforme di guida autonoma e veicoli connessi con sensori, radar e videocamere, che saranno aspetti fondamentali per il futuro della guida.

Altri investimenti nel settore automobilistico effettuati da Intel Capital includono CloudMade*, fornitore di funzionalità di aggregazione dati e connettività cloud necessarie per le soluzioni IVI; Mocana*, che offre sistemi di sicurezza per la piattaforma IVI con una soluzione di protezione delle app mobile; e Tobii Technology*, che applica la tecnologia del computing percettivo ad applicazioni avanzate di assistenza dei guidatori.

Collaborazioni con l'ecosistema del settore automotive

La domanda dei consumatori sta ridefinendo la catena di fornitura del settore automobilistico e i produttori devono tenere il passo con l'innovazione tecnologica. Intel effettua investimenti per assicurare che sia disponibile la tecnologia necessaria per offrire ai consumatori le esperienze in-vehicle che richiedono oggi e per favorire l'evoluzione dell'auto in modo che offra informazioni più mirate, una maggiore assistenza e in ultima istanza assuma il controllo della guida. 

A questo scopo, Intel ha annunciato che collaborerà con la propria sussidiaria Wind River* nonché con Green Hills Software*, Mobica*, Symphony Teleca*, QNX e XSe* per offrire ai produttori di auto che adottano la piattaforma In-Vehicle Intel soluzioni e servizi che assicurino la possibilità di fornire rapidamente proposte personalizzate sul mercato.

  Intel continua a collaborare con i costruttori di auto in varie iniziative di ricerca e sviluppo, e la tecnologia Intel viene utilizzata nei sistemi Navigation System Professional* di BMW per tutti i modelli di veicoli, il sistema di infotainment Infiniti InTouch* nella Infiniti Q50* e il sistema Driver Information System* in tutte le nuove versioni 2015 della Hyundai Genesis*.

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.comcommunity/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina conflictfree.intel.com.

ASSAGO (Milano), 27 maggio 2014 – Intel Corporation stipula un accordo strategico con Rockchip al fine di ampliare la portata e accelerare la velocità di immissione sul mercato mondiale dell'architettura Intel® e delle proprie soluzioni di comunicazioni per una vasta gamma di tablet Android* di fascia entry level.

In base ai termini dell'accordo, le due aziende renderanno disponibile una piattaforma SoC mobile con marchio Intel. La piattaforma quad-core sarà basata su un core di processore Intel® Atom™ integrato con la tecnologia modem 3G di Intel.

La disponibilità del nuovo componente quad-core 3G SoFIA, che amplia le offerte di piattaforme SoC mobile SoFIA di Intel per dispositivi portatili Android entry level e a costi contenuti, è prevista per la prima metà del 2015. Sarà rivolta principalmente a tablet di fascia entry level e dai costi contenuti. La famiglia Intel SoFIA è stata aggiunta alla roadmap dei prodotti mobile di Intel alla fine dello scorso anno e include il primo processore applicativo di Intel integrato con una piattaforma di comunicazioni.

In una fase di continua espansione del mercato dei tablet, caratterizzata da una più ampia scelta di dimensioni dello schermo, formati e fasce di prezzo, l'accordo strategico con Rockchip consente a Intel di attrarre piu’ rapidamente nuovi clienti con un portafoglio di prodotti più ampio.

"L'accordo strategico con Rockchip è un esempio dell'impegno di Intel ad adottare approcci pragmatici e diversificati per far crescere la nostra presenza nel mercato mobile globale, offrendo più rapidamente un più ampio portafoglio di soluzioni e tecnologie di comunicazioni basate su architettura Intel ", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. Siamo entusiasti di collaborare con Rockchip. Con l'annuncio odierno, abbiamo aggiunto un'ulteriore prodotto alla famiglia Intel SoFIA e ci aspettiamo che siano tutte disponibili sul mercato entro la metà del 2015. Ci stiamo muovendo con rapidità per incrementare la nostra offerta nel crescente mercato dei tablet a livello globale".

L'accordo strategico con Intel espande il portafoglio prodotti di Rockchip con l'aggiunta delle prestazioni e della flessibilità dell'architettura Intel e di soluzioni di comunicazioni leader del settore.

"Siamo sempre alla ricerca di modi innovativi per differenziare il nostro portafoglio di prodotti, e questa collaborazione con Intel, la prima del suo genere, ci aiuta a raggiungere questo obiettivo", ha commentato Min Li, CEO di Rockchip. "La combinazione dell'architettura e della tecnologia modem di Intel, leader del settore, con la nostra capacità di progettazione mobile all'avanguardia porta a una maggiore scelta nel crescente mercato mondiale dei dispositivi portatili nei segmenti di fascia entry level e a costi contenuti".

Con l'annuncio odierno, la famiglia Intel SoFIA è ora composta da tre diverse offerte, tra cui la versione dual-core 3G con disponibilità prevista nel quarto trimestre di quest'anno, la versione quad-core 3G con disponibilità prevista nel primo semestre del 2015 e la versione LTE, anch'essa prevista per la prima metà del prossimo anno.

I prezzi del componente quad-core 3G SoFIA saranno comunicati in un secondo momento e - come per tutta la famiglia Intel Sofia - saranno competitivi. In base a questo accordo, Intel e Rockchip venderanno il nuovo componente a OEM e ODM, soprattutto alla base clienti esistente di ciascuna delle due aziende.

Informazioni su Rockchip

Rockchip è una delle principali aziende di semiconduttori fabless e provider di soluzioni SoC per Internet mobile della Cina, fondata nel 2001. Rockchip focalizza la propria attività sulla piattaforma Internet mobile, con prodotti destinati a terminali Internet portatili (tablet/OTT-BOX/dongle/e-Book) e terminali per l'intrattenimento multimediale mobile (MP3/PMP). Rockchip ha combinato la propria esperienza video/audio con Android per la produzione di soluzioni a semiconduttore (IC) per OEM/ODM e marchi rinomati a livello mondiale. Rockchip ha sede a Fuzhou, dove ha luogo la maggior parte della progettazione e dello sviluppo, e dispone di tre ulteriori filiali a Pechino, Shanghai e Shenzhen, che si dedicano principalmente a programmi e marketing. Per ulteriori informazioni, visitate il sito Web all'indirizzo www.rock chips.com.

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.comcommunity/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina conflictfree.intel.com.

L'azienda ha inoltre depositato il Rapporto sui minerali provenienti da zone di conflitto presso la U.S. Securities and Exchange Commission

PUNTI PRINCIPALI

  • Intel ha pubblicato il proprio Rapporto annuale sulla responsabilità aziendale per il 2013.
  • In conformità alla legge degli Stati Uniti, Intel ha depositato presso la Securities and Exchange Commission e ha reso pubblicamente disponibile un Rapporto sui minerali provenienti da zone di conflitto
  • Basandosi sull'esperienza conseguita in due decenni di divulgazione delle proprie attività per quanto riguarda la responsabilità aziendale, Intel continua a promuovere la trasparenza nei propri risultati e nelle proprie azioni.

 

ASSAGO (MILANO), 23 maggio 2014 – Intel Corporation ha divulgato il proprio Rapporto sulla responsabilità aziendale per il 2013, una valutazione completa delle performance dell'azienda in aree che includono la gestione della catena di fornitura, la sostenibilità ambientale, il coinvolgimento dei dipendenti e l'istruzione. Basandosi sull'esperienza acquisita in due decenni di divulgazione, Intel continua a promuovere la trasparenza nei propri risultati e nelle proprie azioni.

"In Intel, riteniamo che la responsabilità d'impresa crei valore per la nostra azienda, i nostri azionisti e la società", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel Corporation.  "Dai dispositivi ultra mobile e indossabili al cloud computing e alla sicurezza, l'universo della tecnologia sta cambiando radicalmente. Durante questa trasformazione senza precedenti del settore, confermiamo il nostro impegno di leadership per quanto riguarda la responsabilità aziendale, nello stesso modo in cui ci impegniamo a perseguire l'innovazione nei nostri prodotti". 

Intel ha inoltre rilasciato oggi i propri documenti relativi ai "minerali provenienti da aree di conflitto" per il 2013, depositati presso la U.S. Securities and Exchange Commission in conformità all'approvazione da parte del Governo degli Stati Uniti del Dodd-Frank Wall Street Reform and Consumer Protection Act nel 2010. Questa legge richiede che le aziende quotate in borsa determinino l'impiego di "minerali provenienti da zone di conflitto" nei propri prodotti e conducano indagini sulla provenienza di tali metalli. 

Un anno fa, in occasione della divulgazione del proprio Rapporto annuale sulla responsabilità aziendale per il 2012, Intel aveva rivelato l'obiettivo per il 2013 di produrre i primi microprocessori "privi di minerali provenienti da zone di conflitto". Il Rapporto sui minerali provenienti da zone di conflitto fornisce dettagli sull'impegno a lungo termine dell'azienda di lavorare con la propria catena di fornitura e i gruppi industriali per fabbricare prodotti che non contengano tantalio, stagno, tungsteno o oro che finanzino o offrano vantaggi a gruppi armati nella Repubblica Democratica del Congo o in Paesi limitrofi.

Intel fornisce dal 1994 rapporti pubblici sui risultati ottenuti in campo ambientale, sanitario e della sicurezza e redige un Rapporto annuale sulla responsabilità aziendale dal 2001. Gli aspetti principali tratti dal Rapporto annuale sulla responsabilità aziendale per il 2013 includono:

 

Sostenibilità ambientale

  • Per il sesto anno consecutivo, Intel si rivela il maggiore acquirente volontario di energia “verde” negli Stati Uniti, secondo la U.S. Environmental Protection Agency. L'acquisto da parte di Intel di oltre 3,1 miliardi di chilowattora (kWh) di energia verde ha soddisfatto il 100% dell'uso di energia elettrica dell'azienda negli Stati Uniti e ha avuto l'impatto ambientale equivalente dell'eliminazione di emissioni di anidride carbonica derivante dall'uso annuo di energia elettrica di più di 320.000 case negli Stati Uniti.
  • Intel ha ottenuto la certificazione Leadership in Energy and Environmental Design (LEED per 36 edifici nuovi ed esistenti in otto Paesi, per una superficie totale di circa 930.000 metri quadri.
  • Dal 1998, Intel ha investito più di 220 milioni di dollari in programmi di conservazione delle risorse idriche presso le proprie strutture in tutto il mondo. Ad oggi, gli sforzi di Intel hanno consentito di risparmiare oltre 174 miliardi di litri d'acqua, sufficiente per i fabbisogno di circa 430.000 case negli Stati Uniti per un anno intero.
  • Dal 2008, Intel ha legato una parte della retribuzione variabile di ogni dipendente, dal personale a contatto con i clienti al proprio CEO, al raggiungimento di metriche di sostenibilità ambientale.

 

Gestione della catena di fornitura

  • Come annunciato dal CEO di Intel Brian Krzanich a gennaio, Intel ha raggiunto il proprio obiettivo di fabbricare i primi processori commercialmente disponibili al mondo "privi di minerali provenienti da zone di conflitto".
  • Intel continua a fornire aggiornamenti sui propri fornitori principali, premiando coloro che conseguono il più alto livello di performance per quanto riguarda l'impegno ambientale, sociale e di governance e segnalando coloro che dispongono di piani di azione per migliorare la loro situazione.
  • Intel ha ottenuto il 5° posto nella classifica Gartner Supply Chain Top 25 del 2013 per l'eccellenza nella gestione della catena di fornitura, salendo di due posizioni dal 7° posto del 2012.

 

Iniziative dei dipendenti

  • Intel è stata inserita ancora una volta nella classifica “100 Best Companies to Work For” della rivista Fortune. L'azienda ha investito 300 milioni di dollari in formazione e sviluppo dei propri dipendenti, il che si traduce in un investimento di circa 3.100 dollari e una media di 31 ore di training per ogni dipendente.
  • Intel impiega più di 4.300 veterani degli eserciti statunitensi, compresi membri attivi della National Guard e militari di riserva, in tutti i segmenti del proprio business, dall'Information Technology e dall'engineering ai reparti amministrativi e alla produzione high-tech.
  • Intel ha stimolato i propri dipendenti ad impegnarsi per le loro rispettive comunità attraverso il programma Intel Involved, che ha offerto 1,2 milioni di ore di servizio per un valore stimato di 28 milioni di dollari.

 

Investimenti nel settore dell'istruzione

  • Intel e Intel Foundation investono circa 100 milioni di dollari all'anno in programmi di istruzione a livello mondiale.
  • Intel ha lanciato il programma Intel® She Will Connect, che intende colmare il divario di genere relativo all'accesso a Internet e portare online milioni di donne, a partire dall'Africa subsahariana. L'obiettivo è di ridurre il divario in questa regione del 50% entro il 2016, mettendo in collegamento 5 milioni di donne con nuove opportunità attraverso la tecnologia.
  • Con l'intento di stimolare l'innovazione e dar vita a nuove tecnologie, Intel ha collaborato con Arduino* per introdurre sul mercato la scheda di sviluppo Intel® Galileo, progettata per le comunità dei maker e per il mondo dell'istruzione. Intel prevede di donare 50.000 schede Intel Galileo a 1.000 università in tutto il mondo nel corso dei prossimi 18 mesi.

 

Per leggere il nuovo Rapporto, visitate la pagina www.intel.com/go/responsibility. Ulteriori informazioni sui programmi di responsabilità aziendale di Intel sono disponibili sul blog CSR@Intel e su Twitter.

 

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina

1.700 studenti delle scuole superiori, tra cui 7 italiani con quattro diversi progetti scientifici, concorreranno per vincere gli oltre 5 milioni di dollari in palio.

  

ASSAGO (MILANO), 12 maggio 2014 – Apre i battenti a Los Angeles, in California, la nuova edizione della Intel International Science and Engineering Fair 2014 (ISEF), il più importante concorso di ricerca scientifica del mondo per le scuole superiori promosso dalla Society for Science & the Public. Più di 1.700 studenti delle superiori selezionati tramite 435 manifestazioni affiliate in più di 70 paesi, aree geografiche e territori condivideranno idee, presenteranno ricerche e invenzioni all'avanguardia nei più diversi campi – tecnologia, medicina, ambiente, robotica, etc. - e concorreranno per vincere oltre 5 milioni di dollari di premi.

La lista completa dei finalisti è disponibile nel sito ufficiale dell'evento.

La delegazione di giovani talenti italiani vede in gara quest’anno quattro diversi progetti, tutti realizzati da ventenni alle prese con l’ultimo anno di liceo o il primo di università: “p38 nel differenziamento muscolare” (ambito scienze biologiche) di Giuseppe Dell’Agnese del Liceo scientifico “Elisabetta Vendramini” di Pordenone; “Energia dai microrganismi: the microbial fuel cell” (biochimica) di Matteo Giardino dell’IIS “Giulio Natta” di Rivoli  (TO); “SpuntiNO’” (scienze biologiche) di Alberto Agnoletti e Alessio Mazzetto dell’ISIS “A. Malignani” di Udine; infine, “4 + 1” (tecnologia della comunicazione e dell’informazione) di Margherita Pinna, Francesca Banchiero e Alessandra Papa dell’ITIS “Michele Giua” di Cagliari.

Tutti loro sono stati già premiati lo scorso anno o nell’ambito del concorso scientifico nazionale “I Giovani e le Scienze”, promosso da Fast – Fondazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche anche con il supporto di Intel, o in altri importanti concorsi internazionali. Ogni studente che prenderà parte all’evento internazionale a Los Angeles ha infatti conseguito i massimi risultati nei concorsi locali e regionali prima di essere selezionato tra i finalisti di ISEF.

I primi premi per i ragazzi e i team che risulteranno vincitori includono il Gordon E. Moore Award del valore di 75.000 dollari offerto da Intel Foundation in onore del co-fondatore nonché Chairman e Ceo in pensione di Intel. Altri due progetti vincenti riceveranno i premi Intel Foundation Young Scientist Award, del valore di 50.000 dollari ognuno; sono inoltre disponibili altri premi per arrivare al valore complessivo di 5 milioni di dollari.

"Tramite l'Intel International Science and Engineering Fair, Intel intende stimolare gli studenti a sviluppare innovazioni che esercitino un impatto positivo sul nostro modo di lavorare e vivere", ha affermato Wendy Hawkins, Executive Director dell'Intel Foundation. "Ci auguriamo che il concorso
non si limiti a puntare i riflettori sui risultati ottenuti dai finalisti, ma che possa incoraggiare un numero maggiore di giovani ad abbracciare scienza, tecnologia, ingegneria e matematica".

"Guadagnando il diritto di competere nel contesto dell'Intel International Science and Engineering Fair, gli studenti finalisti hanno dimostrato di avere la capacità e il desiderio di diventare gli scienziati e ingegneri leader del futuro", ha dichiarato Rick Bates, CEO ad interim e Chief Advancement Officer della Society for Science & the Public. "Intel ISEF non si limita ad offrire una chance per concorrere per i premi, ma  rappresenta un'opportunità per apprendere, trovare ispirazione e condividere le proprie ricerche con altri  giovani studenti di tutto il mondo".

Per ulteriori informazioni su Intel ISEF: https://student.societyforscience.org/intel-isef


Informazioni su Intel


Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di player di riferimento nell’ambito della responsabilità e della sostenibilità aziendali, Intel produce oggi i primi microprocessori “conflict-free” disponibili sul mercato.
Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com, e a proposito dell’impegno di Intel per prodotti conflict-free a questo link: conflictfree.intel.com.

Intel e il logo Intel sono marchi di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi.

* Altri marchi e altre denominazioni potrebbero essere rivendicati da terzi.












PUNTI PRINCIPALI

 

  • L’intelligent vending offre un’esperienza più personale, interattiva e divertente per i consumatori dando la possibilità alle aziende e agli operatori di settore di utilizzare i servizi cloud e di data analytics riducendo al contempo i costi operativi.
  • La nuova piattaforma fornisce una soluzione veloce e semplice, conforme agli standard (non proprietari), per riprogettare i distributori automatici e trasformarli in sistemi ad elevate capacità e connettività.
  • Questo nuovo reference design combina una piattaforma basata su processore Intel® con una scheda I/O (VMI) per distributori automatici e un completo pacchetto software per offrire tutti gli strumenti utili a disegnare e ridisegnare una soluzione vending “IoT ready”
  • Intel® Reference Design for Intelligent Vending è stato presentato oggi a Venditalia 2014.

 

ASSAGO, Milano, 8 maggio 2014 – Si chiama Intel® Reference Design for Intelligent Vending e promette di portare l’Internet of Things anche all’interno dei diffusissimi distributori automatici. La nuova tecnologia è stata presentata da Intel oggi in occasione della giornata inaugurale di Venditalia, la principale rassegna internazionale sul vending in programma a Milano (Fieramilanocity) tra il 7 e il 10 maggio 2014.

Il futuro del vending secondo Intel

Nel settore dei distributori automatici è in corso una svolta verso il digitale, man mano che le apparecchiature vengono connesse a Internet per coinvolgere e attrarre più clienti. Con l'aggiunta di "intelligenza" ai distributori automatici, è possibile personalizzare ulteriormente l'esperienza di vendita, aumentando l'interazione e il divertimento per i consumatori e consentendo allo stesso tempo ad aziende e operatori di settore di sfruttare nuove opportunità e modelli di business, servizi cloud e di data analytics per realizzare un altro passo in avanti.

Le architetture Intel in questo contesto possono assicurare vantaggi importanti per rendere l’esperienza utente ancora più completa e coinvolgente, offrendo capacità di calcolo ed elaborazione al passo con i moderni computer, flessibilità, gestibilità da remoto e piena compatibilità con i più comuni ambienti di sviluppo. Permette pertanto di gestire efficacemente ed integrare tra loro innovazioni come gli schermi touch, la connettività o i sistemi di pagamento mobile o basati su tecnologia NFC.

I vantaggi del nuovo reference design

L’Intel® Reference Design for Intelligent Vending fornisce una soluzione veloce e semplice per riprogettare i distributori automatici tradizionali trasformandoli in sistemi ad elevate capacità e connessi a Internet. La maggior parte dei sistemi attuali è infatti progettata con un apposito controller VMC (Vending Machine Controller) che gestisce molti sottosistemi di base e indipendenti, ad esempio controllo dei pagamenti, refrigerazione e illuminazione o gestione di monete e prodotti. Poiché il controller VMC è solitamente basato su un microcontroller di fascia bassa, non assicura le caratteristiche di potenza di elaborazione, connettività, sicurezza, gestibilità e facilità di riprogrammazione necessarie per supportare servizi avanzati.

L’Intel Reference Design for Intelligent Vending contiene invece sia componenti hardware sia software necessari per progettare i futuri distributori automatici o aggiornare quelli già disponili. Innanzitutto monta un processore Intel® per gestire le funzioni dei tradizionali controller VMC e rendere disponibili sistemi dotati di connettività Ethernet o wireless a banda larga con il mondo esterno, oltre che della potenza di elaborazione necessaria per distribuire i servizi emergenti. I produttori di distributori automatici possono inoltre scegliere tra i processori Intel® Core™ vPro™ e i processori Intel® Atom™, che eseguono lo stesso codice (ossia sono compatibili con le tecnologie precedenti) e sono supportati da un ecosistema ampio e consolidato di

ISV (Independent Software Vendor).

Inoltre, la nuova tecnologia Intel introduce modelli di interfaccia di I/O. Gli attuali distributori automatici si basano su un'ampia gamma di protocolli di bus per le comunicazioni tra VMC e periferiche, come i sistemi di gestione dei prodotti e di controllo dell'illuminazione. L’Intel Reference Design for Intelligent Vending contiene una scheda VMI (Vending Machine I/O) che supporta queste interfacce di I/O e altro ancora.

Infine, propone uno stack di software che include un sistema operativo, interfacce di programmazione (API) per le periferiche e varie applicazioni.

L’Intel Reference Design for Intelligent Vending è già stato positivamente adottato da alcuni attori rilevanti del mercato come Advantech*, Cantaloupe*, Ingenico*, Promate* e Sap*, che stanno sviluppando prototipi e prodotti innovativi basati sulla nuova piattaforma.

“Il supporto di player così rilevanti del mercato di riferimento ci permette di introdurre una tecnologia votata all’innovazione e che promette di ridisegnare il futuro del vending, dove intelligenza artificiale e piena connettività saranno sempre più caratteristiche imprescindibili”, ha commentato Jose Avalos, Worldwide Director for Visual Retail all’interno della Divisione Intel’s IoT Solutions. “Il nuovo reference design Intel rende infatti disponibili già oggi le infinite possibilità di utilizzo e sviluppo dell’Internet of things nei distributori automatici. Siamo convinti che tale rivoluzione tecnologica andrà a tutto vantaggio sia dei produttori e dei brand sia dei consumatori e della loro user experience quotidiana”.

I primi prototipi basati sulla nuova piattaforma Intel

 

• Advantech: in qualità di Premier Partner della Intel® Internet of Things Solutions Alliance, Advantech offre una vasta gamma di soluzioni hardware industriali, da prodotti standard a design interamente personalizzati, per coprire tutte le esigenze dei produttori di distributori automatici. Intel® Reference Design for Intelligent Vending e Advantech SUSIAccess possono essere integrati in tutti i prodotti Advantech. La soluzione risultante offre ai produttori di distributori automatici la flessibilità necessaria per sviluppare le proprie piattaforme di vending.

 

• SAP: la sfida fondamentale della gestione di una flotta di distributori automatici o di altre apparecchiature di marketing è che il gestore ha una visibilità limitata o nulla dello stato del distributore e dei livelli di inventario, il che comporta rifornimento e manutenzione inefficienti e, di conseguenza, perdita di profitti. SAP* e Intel hanno collaborato per offrire una soluzione completa che sia in grado di ridurre significativamente i costi di gestione dei distributori e di aumentare i ricavi, attraverso nuovi modelli di marketing e di business che sfruttano l'Internet delle cose per collegare, monitorare e gestire i distributori automatici in tempo reale. Basata su un processore Intel®, questa soluzione consente rifornimento efficiente, monitoraggio della stato operativo in tempo reale (temperatura, potenza, vendite), emissione ed erogazione di scontrini, monitoraggio dei furti e marketing 1:1 ai consumatori attraverso pagamenti mobili, coupon digitali e programmi di fidelizzazione.

 

• Promate: Promate Solutions si impegna a dar vita alle visioni dei prodotti dei propri clienti. Critica, la piattaforma interattiva dell'azienda, offre servizi M2M (Machine to Machine) che mettono in collegamento il reparto vendite e marketing con il reparto operazioni, tramite informazioni a distanza in tempo reale. La connettività consente di ridurre i costi complessivi di gestione, diminuendo i costi operativi e aumentando la soddisfazione e la fidelizzazione dei clienti. L’adozione dell’Intel@ Reference Design for Intelligent Vending rende l’integrazione ancora più facile e flessibile

• Ingenico: Ingenico è lieta di confermare la perfetta integrazione del suo prodotto iUC180B con l'innovativo progetto di riferimento Intel® per distributori automatici intelligenti. Grazie a Ingenico Payment Communication Layer, è stato facile integrare la Serie iSelf con questa nuova piattaforma. La Serie iSelf offre tutti i metodi di pagamento cashless, per proteggere facilmente la sicurezza di qualsiasi distributore automatico. Un'interfaccia semplice e facile da usare offre una fantastica esperienza consumer. Tutti i moduli sono conformi allo standard EVA (European Vending Association). La sicurezza di ultima generazione integrata nei moduli facilita l'attività degli integratori o gestori di chioschi.

• Cantaloupe Systems: Cantaloupe Systems collabora con Intel da oltre tre anni. Seed Cloud Products – le soluzioni di retail vending end-to-end per web e mobile – sono perfettamente integrate con l’Intel® Reference Design for Intelligent Vending.  Cantaloupe Systems ha introdotto per prima nel mercato il Dynamic Scheduling e il Dynamic merchandising per il segmento vending.

Una start up italiana vince l’Intelligent Vending Competition

Intel a Venditalia 2014 ha inoltre premiato per qualità e innovazione il progetto della start up italiana WIB-Warehouse in a Box nell’ambito della prima edizione del contest internazionale “Intel Intelligent Vending Competition”. WIB è una vending machine evoluta in grado di gestire, grazie a una tecnologia brevettata, un ampio catalogo di prodotti di ogni genere permettendo ai clienti di impostare le varie scelte, anche da remoto tramite il personal computer, e poi ritirare comodamente i prodotti direttamente dalla macchina. Il team vincitore – composto dal fondatore e Ceo Nino Lo Iacono, il cofondatore e direttore marketing Marco Bicocchi Pichi, il developer Francesco Patronaggio e il mobile user experience designe Andrea Picchi – ha vinto la partecipazione gratuita all’attuale edizione di Venditalia per presentare presso lo stand Intel il suo progetto per tutta la durata della manifestazione.

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di player di riferimento nell’ambito della responsabilità e della sostenibilità aziendali, Intel produce oggi i primi microprocessori “conflict-free” disponibili sul mercato.  Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com, e a proposito dell’impegno di Intel per prodotti conflict-free a questo link: conflictfree.intel.com.

Intel annuncia i più potenti Chromebook OEM disponibili sul mercato, che offrono le migliori prestazioni e durata della batteria per ogni fascia di prezzo

 

PUNTI PRINCIPALI
  • I primi dispositivi Chrome marchiati Intel® Celeron®, basati su SoC (System-on-Chip) Intel Bay Trail-M e disponibili da Acer, ASUS, Lenovo e Toshiba, offrono fino a 11 ore di durata della batteria.
  • Chromebook caratterizzati da una nuova classe di prestazioni e basati su processore Intel® Core™ i3 di quarta generazione saranno disponibili a breve; includeranno i primi dispositivi Acer e Dell.
  • Lancio negli Stati Uniti, in ambito retail, del nuovo Chromebase LG, basato su processore Celeron e microarchitettura Haswell. Inoltre, HP ha annunciato che il Chromebox HP sarà disponibile a giugno negli Stati Uniti per la vendita al dettaglio.
  • Tutti questi nuovi sistemi Chrome sono basati su microprocessori che non utilizzano minerali provenienti da zone di conflitto.
  • Con gli annunci odierni, Intel è il microprocessore numero 1 nei sistemi Chrome OS, con 20 design già disponibili sul mercato o in arrivo più avanti nel corso dell'anno, rispetto ai 4 design di settembre 2013. E il primo e unico a supportare Chrome OS a 64 bit.

Assago (Milano), 8 maggio 2014 – Intel Corporation e altre aziende hanno introdotto oggi  una nuova linea di dispositivi Chrome, compresi i primi modelli dotati di processori Intel® Celeron® basati su SoC (System-on-Chip) Intel Bay Trail-M. È stata inoltre presentata una nuova classe di Chromebook basati su processori Intel® Core™ i3 di quarta generazione. 

Gli annunci sono stati fatti in occasione di una conferenza stampa a San Francisco, presentata da Navin Shenoy, Vice President e General Manager del Mobile Client Platforms Group di Intel, e da Caesar Sengupta, Vice President del Product Management di Chrome OS presso Google, con la partecipazione di rappresentanti di Acer, ASUS, Dell, HP, Lenovo, LG Electronics USA e Toshiba.

"Intel è ormai il microprocessore numero 1 nei sistemi Chrome", ha dichiarato Shenoy. "Abbiamo lavorato su cinque generazioni di Chrome e, dopo Google, Intel è l'azienda che ha maggiormente contribuito a Chromium OS. I chip Intel sono i primi e unici a supportare Chrome OS a 64 bit. Questa lunga esperienza e gli investimenti effettuati, unitamente ai nostri straordinari SoC Bay Trail e Haswell, fanno sì che Intel possa rendere disponibili i dispositivi dalle migliori prestazioni per ogni fascia di prezzo della categoria dei sistemi Chrome. Chi acquista dispositivi Chrome dovrebbe cercare il marchio Intel Inside".

"Intel è un partner decisivo fin dalla nascita dei Chromebook", ha commentato Sengputa. "È entusiasmante assistere alla continua innovazione, come dimostrato da questa nuova ondata di dispositivi Chrome basati su Intel. Con due dei tre notebook più venduti su Amazon.com durante le ultime festività natalizie e oggi utilizzati in quasi 10.000 scuole, i dispositivi Chrome si stanno rivelando ottimi computer, in linea con l'attuale modo di lavorare e vivere".

Equilibrio di prestazioni e durata della batteria ad un ottimo prezzo

I nuovi dispositivi Chromebook dotati di processori Intel Celeron basati su SoC Intel Bay Trail-M offrono fino a 11 ore di durata della batteria3 ed estendono l'architettura Intel ad un'ampia gamma di fasce di prezzo per notebook e dispositivi convertibili ad efficienza energetica, PC desktop e sistemi all-in-one. Sono privi di ventola, silenziosi, sottili, leggeri e accessibili, e molti modelli dispongono di schermi touch.  Shenoy ha evidenziato sei nuovi dispositivi basati su questi processori aggiornati lanciati oggi o disponibili a breve presso Acer, ASUS, Lenovo e Toshiba.

Lenovo ha annunciato i suoi primi Chromebook consumer, il Chromebook N20 e il Chromebook N20p. Questi dispositivi offrono ai consumatori la scelta tra due modi per usufruire dell'esperienza Chrome in un formato sottile e leggero, con una dotazione di tecnologie complete. Mentre il modello N20 offre la comodità di un notebook tradizionale, il Chromebook N20p rompe gli schemi per quanto riguarda i Chromebook, con lo schermo touch e il suo innovativo design multimodale, che offre modalità notebook e stand. Questi nuovi modelli completano la famiglia già esistente di Chromebook Lenovo basati su processore Celeron, tra cui il Chromebook ThinkPad 11e il Chromebook ThinkPad YOGA 11e, realizzati per i clienti del settore dell'istruzione.

ASUS ha annunciato due nuovi Chromebook, ASUS C200 da 11,6 pollici e ASUS C300 da 13,3 pollici, che saranno disponibili quest'estate. I dispositivi sono sottili, sofisticati e progettati sia per gli studenti che per i consumatori sempre in movimento.

Shenoy ha anche presentato il Chromebook 2014 di nuova generazione di Acer. Il nuovo dispositivo sarà equipaggiato con i nuovi processori Celeron basati su SoC Bay Trail-M, ed è caratterizzato da un nuovo design più sottile, leggero e silenzioso. Sarà disponibile più avanti nel corso dell'anno.

Per la prima volta, Intel wireless 802.11ac verrà incluso in tutti i Chromebook basati su processori Celeron aggiornati, offrendo connettività allo stato dell'arte. Questa tecnologia consente throughput fino a 3 volte superiore4, per migliorare l'esperienza con il numero crescente di dispositivi presenti nelle case, negli ambienti di lavoro e nelle aule. 

Intel ha inoltre presentato in anteprima il suo progetto di riferimento Chromebook Education, basato sull'esperienza progettuale dell'azienda nel settore dell'istruzione. I clienti Intel possono personalizzare il progetto di riferimento per ridurre i tempi di sviluppo, avendo accesso alle più recenti tecnologie e a funzionalità e software specifici per la didattica, tutti aspetti che favoriscono l'apprendimento degli studenti. Shenoy ha dichiarato che i Chromebook basati su Intel per il settore dell'istruzione saranno offerti nel prossimo futuro da vari clienti.

Nuova classe di Chromebook con processori Intel Core i3

Per gli utenti alla ricerca di prestazioni, Shenoy ha introdotto una nuova classe di Chromebook basati su processore Intel Core i3 di quarta generazione, con prezzi a partire da 349 dollari.  Shenoy ha osservato che le prestazioni aggiuntive offerte dai processori Core i3 per questi dispositivi Chromebook OEM, i più potenti disponibili sul mercato1, consentono reattività e fluidità durante la navigazione di pagine Web ricche di contenuti, con molteplici schede aperte contemporaneamente.  Le applicazioni Web, sessioni di Google Hangout con molti partecipanti e le applicazioni offline risultano notevolmente scattanti. Dell e Acer sono i primi ad immettere sul mercato dispositivi Chromebook ad elevate prestazioni basati su processore Intel Core i3.

Dell ha annunciato l'ampliamento della propria offerta basata su Chrome, con l'inserimento di una nuova configurazione del Dell Chromebook 11, basata su processore Intel Core i3. Fin dal suo lancio, il Dell Chromebook 11 ha ricevuto un'ottima accoglienza, ed è stato ampiamente implementato in distretti scolastici in tutti gli Stati Uniti. Dell sta ampliando la propria offerta per soddisfare le esigenze delle piccole e medie imprese sue clienti, che stanno valutando le offerte attuali di Chromebook ma che richiedono potenza di elaborazione e funzionalità aggiuntive per soddisfare rigorosi requisiti aziendali. Il nuovo dispositivo sarà disponibile successivamente nel corso dell'anno.

Acer ha lanciato la sua nuova configurazione del Chromebook C720 con processore Core i3 di quarta generazione. Il sistema offre un'esperienza più fluida e veloce rispetto alle configurazioni attualmente disponibili5. Sarà disponibile all'inizio della stagione della ripresa scolastica al prezzo di 349,99 dollari.  

Nell'ambito di altre notizie sui dispositivi Chrome, HP ha annunciato che HP Chromebox sarà disponibile per la vendita al dettaglio negli Stati Uniti a giugno. Il Chromebox è dotato di processore Intel Celeron basato su microarchitettura Haswell e può trasformare praticamente qualsiasi schermo di casa in un PC Google Chrome, con Google Play, Google Drive e tutti i contenuti preferiti del Web.

Shenoy ha inoltre annunciato la disponibilità in commercio negli Stati Uniti del pluripremiato LG Chromebase (modello 22CV241), il primo computer all-in-one che esegue Chrome OS e dotato di un processore Intel basato su microarchitettura Haswell. Ideale sia per uso personale che aziendale, questo versatile computer è semplice, veloce e sicuro, con grafica brillante. Il dispositivo è stato presentato in anteprima in occasione dell'International CES 2014, e sarà disponibile al prezzo consigliato di 349 dollari a partire dal 26 maggio presso Amazon, Fry’s Electronics, Micro Center, Newegg e Tiger Direct. Viene fornito con 100 GB di spazio su Google Drive, gratis per 2 anni. 

All'inizio di quest'anno, Intel aveva annunciato la produzione dei primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo con materiali provenienti da fonderie che non utilizzano minerali importati da zone di conflitto della Repubblica Democratica del Congo6.  I nuovi dispositivi Chrome basati su Intel sono tutti potenziati da microprocessori Intel privi di minerali provenienti da zone di conflitto. 

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell’innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. In qualità di leader nell'ambito della responsabilità aziendale e della sostenibilità, Intel produce i primi microprocessori commercialmente disponibili al mondo che non impiegano minerali provenienti da zone di conflitto. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.comcommunity/it_it e blogs.intel.com; per informazioni sulle iniziative di Intel in merito all'utilizzo di materie prime non legate a conflitti consultate la pagina conflictfree.intel.com.

Risultato operativo di 2,5 miliardi di dollari, +1% rispetto all’anno precedente

  • Fatturato del PC Client Group di 7,9 miliardi di dollari, -1% rispetto all'anno precedente
  • Fatturato del Data Center Group di 3,1 miliardi di dollari, +11% rispetto all'anno precedente
  • Utile netto di 1,9 miliardi di dollari, -5% rispetto all'anno precedente
  • Utili per azione di 38 centesimi, -5% rispetto all'anno precedente

ASSAGO (MILANO), 16 APRILE 2014 -- Intel Corporation ha reso noto il fatturato del primo trimestre, pari a 12,8 miliardi di dollari, con un risultato operativo di 2,5 miliardi di dollari, utili netti di 1,9 miliardi di dollari e utili per azione pari a 38 centesimi. Intel ha generato circa 3,5 miliardi di dollari in liquidità dalle proprie operazioni, ha pagato dividendi per un valore di 1,1 miliardi di dollari e ha impiegato 545 milioni di dollari per riacquistare 22 milioni delle proprie azioni.

"Nel primo trimestre, abbiamo registrato una crescita solida nel segmento dei data center, segnali di miglioramento nel business dei PC e abbiamo fornito 5 milioni di processori per tablet, realizzando importanti progressi in linea con il nostro obiettivo di raggiungere 40 milioni di tablet per il 2014", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel. "Abbiamo inoltre dimostrato il nostro ulteriore impegno a crescere in ambito enterprise con una tecnologia strategica e una collaborazione aziendale con Cloudera, abbiamo introdotto la nostra piattaforma LTE di seconda generazione con CAT6 e altre funzionalità avanzate, e abbiamo consegnato i nostri primi prodotti Quark per l'Internet delle cose".

“Il segmento enterprise continua a dare, anche per quanto riguarda il mercato italiano, ottime risposte in termini di adozione delle tecnologie Intel ed in particolare riscontriamo un enorme interesse verso l’attivazione di servizi in cloud. In questo contesto la collaborazione che Intel ha avviato con Cloudera per accelerare l'adozione di soluzioni per i big data da parte delle aziende porterà nuove opportunità ed un ampliamento delle prospettive anche per il nostro Paese. Il fronte consumer mostra segnali di leggera ripresa e siamo convinti che la nuova categoria dei prodotti 2 in 1 possa rappresentare la vera spinta verso il rinnovamento del PC, oltre ad essere la chiave di svolta nel favorire una maggiore produttività nel comparto aziendale”, ha commentato Carmine Stragapede, Direttore Generale Intel Italia. “Tra i più recenti successi che abbiamo ottenuto in Italia, segnaliamo la collaborazione, avviata insieme all’integratore locale E4 Computer Engineering, con ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) per la realizzazione del supercomputer CRESCO4, che ha posto le basi per un concreto avanzamento della ricerca scientifica italiana di oggi e di domani; degna di nota è anche l’implementazione delle tecnologie di processore Intel® Xeon™ E7 v2 da parte di due importanti realtà come Telecom Italia e UnipolSai, che hanno migliorato le performance dei sistemi informativi a beneficio del proprio business. Infine anche in Italia c’è grande fermento e attenzione verso i trend tecnologi più innovativi – Internet of Things e wearable computing – e noi come Intel siamo sicuramente in prima linea nel rispondere con prontezza a queste nuove opportunità”.

Andamenti delle unità aziendali in Q1:

  • Fatturato del PC Client Group di 7,9 miliardi di dollari, -8% rispetto al trimestre precedente e -1% rispetto all’anno precedente.
  • Fatturato del Data Center Group di 3,1 miliardi di dollari, -5% rispetto al trimestre precedente e +11% rispetto all’anno precedente. 
  • Fatturato dell'Internet of Things Group di 482 milioni di dollari, -10% rispetto al trimestre precedente e +32% rispetto all’anno precedente.
  • Fatturato del Mobile and Communications Group di 156 milioni di dollari, -52% rispetto al trimestre precedente e -61% rispetto all’anno precedente.
  • Fatturato dei segmenti operativi Software e servizi di 553 milioni di dollari, -6% rispetto al trimestre precedente e +6% rispetto all’anno precedente.

 

 

Confronti finanziari

Trimestrali

 

Q1 2014

Q4 2013

Rispetto a Q4 2013

Fatturato

12,8 miliardi di $

13,8 miliardi di $

-8%

Margine lordo

59,7%

62%

-2,3 punti

R&D e MG&A

4,9 miliardi di $

4,8 miliardi di $

+1%

Risultato operativo

2,5 miliardi di $

3,5 miliardi di $

-29%

Oneri fiscali

27,7%

26,1%

+1,6 punti

Utile netto

1,9 miliardi di $

2,6 miliardi di $

-26%

Utili per azione

38 centesimi

51 centesimi

-25%

 

Previsioni finanziarie

Le previsioni finanziarie Intel non tengono conto del potenziale impatto di eventuali alleanze aziendali, acquisizioni di asset, disinvestimenti, investimenti strategici e altre transazioni significative che potrebbero essere completati dopo il 15 aprile.

 

Q2 2014

  • Fatturato: 13 miliardi di dollari più o meno 500 milioni di dollari.
  • Margine lordo percentuale: 63%, più o meno un paio di punti percentuali.
  • Spese R&D più MG&A: circa 4,8 miliardi di dollari.
  • Oneri di ristrutturazione: circa 100 milioni di dollari.
  • Ammortamento delle variabili non quantificabili legate alle acquisizioni: circa 75 milioni di dollari.
  • Impatto di investimenti e interessi e proventi diversi: circa 75 milioni di dollari.
  • Ammortamenti: circa 1,9 miliardi di dollari

 

Intero anno 2014

Fatturato: approssimativamente stazionario, invariato rispetto alle stime precedenti.

  • Margine lordo percentuale: 61%, più o meno alcuni punti percentuali, superiore di 1 punto percentuale rispetto alle stime precedenti.
  • Spese R&D più MG&A: 18,9 miliardi di dollari, più o meno 200 milioni di dollari, superiori rispetto alle stime precedenti di 18,6 miliardi di dollari.
  • Ammortamento delle variabili non quantificabili legate alle acquisizioni: circa 300 milioni di dollari, invariato rispetto alle stime precedenti.
  • Ammortamenti: circa 7,4 miliardi di dollari, invariati rispetto alle stime precedenti.
  • Oneri fiscali: circa 27% per ciascuno dei restanti trimestri dell'anno.
  • Investimenti di capitale per l'intero anno: 11 miliardi di dollari, più o meno 500 milioni di dollari, inviarti rispetto alle stime precedenti.

 

Per ulteriori informazioni sui risultati e sul Business Outlook di Intel, consultate il commento del CFO all'indirizzo: www.intc.com/results.cfm.

 

Stato delle considerazioni di mercato

Il Business Outlook di Intel viene pubblicato su intc.com e le considerazioni in esso contenute potrebbero essere ribadite in occasione di incontri pubblici o privati con investitori e altri soggetti. Il Business Outlook risulterà valido fino alla chiusura della giornata lavorativa del 13 giugno, a meno che non venga aggiornato prima di tale data; fatta eccezione per le previsioni relative ad ammortamento delle variabili non quantificabili legate alle acquisizioni, impatto di investimenti e interessi e proventi diversi, oneri di ristrutturazione e oneri fiscali, che saranno valide solo fino alla fine della giornata lavorativa del 22 aprile. Intel attraverserà un “Quiet Period” a partire dalla fine della giornata lavorativa del 13 giugno e fino alla diffusione dei risultati finanziari dell’azienda per il secondo trimestre, prevista per il 15 luglio 2014. Durante il Quiet Period, tutte le considerazioni di mercato e altre previsioni future rese note nei comunicati stampa e nei documenti dell’azienda depositati presso la SEC dovranno essere considerate superate, poiché si riferivano esclusivamente alla situazione precedente il Quiet Period, e non verranno aggiornate dalla società.

 

 

Fattori di rischio

Le affermazioni contenute nel presente documento, che si riferiscono a progetti e aspettative per il secondo trimestre, l’intero anno e il futuro, sono previsioni della società e, in quanto tali, sono soggette a cambiamenti dovuti a diversi fattori di rischio e incertezze. Termini come "prevede", "si aspetta", "intende", "pianifica", "ritiene", "cerca", "stima", "potrebbe", "vorrebbe", "dovrebbe" e le possibili variazioni indicano affermazioni sul futuro. Anche le affermazioni che si riferiscono a o sono basate su proiezioni, eventi incerti o presupposti identificano affermazioni sul futuro. Molteplici aspetti potrebbero avere impatto sui risultati effettivi di Intel, ed eventuali scostamenti rispetto alle aspettative attuali di Intel in merito a tali variabili potrebbero far sì che i risultati effettivi differiscano in modo considerevole da quanto espresso in queste previsioni. Intel ritiene attualmente che i seguenti elementi rappresentino i fattori di rischio determinanti che potrebbero comportare una differenza sostanziale tra i risultati effettivi e le previsioni della società.

• La domanda di prodotti di Intel è altamente variabile e, negli ultimi anni, Intel ha riscontrato un calo degli ordini nel tradizionale segmento di mercato dei PC. Tra le variabili che potrebbero influenzare la domanda rispetto alle previsioni Intel ricordiamo cambiamenti nelle condizioni di mercato ed economiche, la fiducia o i livelli di reddito dei consumatori, l’accettazione da parte dei clienti dei prodotti Intel e di quelli della concorrenza, pressioni della concorrenza e dei prezzi, incluse azionali intraprese dai concorrenti, limitazioni nella fornitura e altre interruzioni che potrebbero avere effetto sui clienti, cambiamenti nell’andamento degli ordinativi dei clienti, compresi eventuali annullamenti di ordini, cambiamenti nei livelli di inventario dei clienti.

• Intel opera in settori altamente competitivi e le sue attività sono caratterizzate da costi elevati fissi oppure difficili da ridurre nel breve periodo.

• Il margine lordo percentuale di Intel potrà variare in modo significativo dalle aspettative in base a sfruttamento della capacità produttiva, variazioni nella valutazione dell’inventario, comprese variazioni legate alla tempistica dei prodotti qualificati per la vendita, variazioni nei livelli di fatturato, mix dei segmenti di prodotti, tempi legati all’esecuzione della rampa produttiva nonché costi associati, eccesso o obsolescenza dell’inventario, variazioni nei costi unitari, difetti o interruzioni nella fornitura di materiali o risorse e qualità/resa della produzione. Le variazioni nel margine lordo possono essere causate anche dai tempi di introduzione dei prodotti Intel e dalle relative spese, comprese le spese di marketing, e dalla capacità di Intel di rispondere rapidamente agli sviluppi tecnologici e di introdurre nuovi prodotti o incorporare nuove funzionalità nei prodotti esistenti, che possono comportare oneri di ristrutturazione e perdite di valore delle risorse.

• Le aspettative relative agli oneri fiscali sono basate sulla normativa fiscale in vigore e sul reddito attualmente previsto. Gli oneri fiscali possono essere influenzati dalle giurisdizioni in cui i profitti vengono realizzati e tassati, da variazioni nelle stime di crediti, benefici e deduzioni, dalla risoluzione di dispute derivanti da verifiche fiscali con diversi enti fiscali, compresi pagamenti di interessi e multe, nonché dalla capacità di ottenere imposte differite.

• Guadagni o perdite derivanti da investimenti azionari, interessi o altro possono variare rispetto alle aspettative in base alla realizzazione dei profitti o alle perdite derivanti da vendita, scambio, variazioni nel valore equo o perdite derivanti da titoli di debito o investimenti azionari, tassi di interesse, rimanenze di cassa e variazioni nel valore equo di strumenti derivati.

• I risultati Intel potrebbero venire influenzati da condizioni economiche, sociali, politiche e fisiche/infrastrutturali avverse che dovessero verificarsi nei Paesi in cui operano Intel, i suoi clienti o fornitori, tra cui conflitti militari e altri rischi legati alla sicurezza, calamità naturali, interruzioni a livello di infrastrutture, problemi sanitari e fluttuazioni nei tassi di cambio delle valute estere.

• I risultati Intel potrebbero essere influenzati dalle tempistiche delle chiusure di acquisizioni, disinvestimenti e altre transazioni significative.

• I risultati Intel possono inoltre venire influenzati dall’impatto negativo derivante da prodotti difettosi o contenenti errata (valori diversi da quelli indicati dalle specifiche) e da dispute legali o regolamentazioni riguardanti proprietà intellettuale, rapporti con investitori e consumatori, antitrust, divulgazione e altro, come la disputa e le regolamentazioni descritte nei report Intel depositati presso la SEC. Decisioni sfavorevoli potrebbero comportare danni economici oppure un’ingiunzione potrebbe impedire a Intel di produrre o vendere uno o più prodotti, precludendo specifiche attività aziendali e impattando la capacità di Intel di progettare i propri prodotti, e potrebbe richiedere altre risoluzioni come la concessione in licenza obbligatoria di proprietà intellettuale.

 

 

Questi fattori, nonché altri elementi che potrebbero influenzare i risultati effettivi di Intel, vengono presi in esame più nel dettaglio nell’ambito dei documenti SEC (Securities & Exchange Commission) della società, incluso il report del Form 10-K più recente.

Il nuovo dispositivo pensato per gli studenti fornisce i vantaggi di un tablet e di un notebook in un unico, pratico prodotto

PUNTI PRINCIPALI

  • Il dispositivo 2 in 1 Intel® Education, appena lanciato, dispone della flessibilità e della mobilità di un tablet unitamente alle prestazioni e alla produttività di un notebook, offrendo agli studenti il meglio di entrambi i mondi in un unico dispositivo.
  • Progettato pensando alle esigenze degli studenti, il primo progetto di riferimento 2 in 1 Intel Education ha un design resistente e durevole in grado di sopportare cadute anche da 70 cm1 e offre resistenza all'acqua e alla polvere, per rendere possibile l'apprendimento sempre e ovunque.
  • Il dispositivo 2 in 1 Intel Education è dotato di strumenti accessibili come una lente di ingrandimento integrata e un sensore termico, che funzionano congiuntamente alla suite software Intel® Education per consentire esperimenti che stimolano la curiosità degli studenti e promuovono la ricerca. 

ASSAGO (MILANO), 10 APRILE 2014 – Intel Corporation ha introdotto oggi il dispositivo 2 in 1 Intel® Education, il primo progetto di riferimento 2 in 1 in assoluto per il settore dell'istruzione. Il dispositivo 2 in 1 Intel Education dispone della flessibilità e della mobilità di un tablet unitamente alle prestazioni e alla produttività di un notebook, offrendo agli studenti il meglio di entrambi i mondi in un unico dispositivo. Con la semplice pressione di un pulsante, il dispositivo 2 in 1 Intel Education si trasforma da un notebook, che gli studenti possono utilizzare per creare relazioni e presentazioni, in un tablet, che gli studenti possono impiegare per un un'esperienza sul campo o per raccogliere dati per un progetto di scienze.

Il dispositivo 2 in 1 Intel Education, uno strumento di apprendimento progettato pensando alle esigenze degli studenti, è dotato di fotocamere anteriore e posteriore per promuovere la creazione di contenuti e l'esplorazione scientifica. La modalità dual-docking offre agli studenti l'opzione di disporre dello schermo tablet frontale quando usano la tastiera o di posizionare lo schermo tablet di fronte ai compagni, per facilitare la collaborazione.

"Grazie al lavoro svolto con gli educatori di tutto il mondo, Intel comprende la necessità di un apprendimento coinvolgente e orientato agli studenti, al fine di favorire il successo degli studenti sia a scuola sia oltre", ha dichiarato John Galvin, Vice President del Sales and Marketing Group di Intel e General Manager di Intel Education. "Con il nuovo 2 in 1 Intel Education, gli studenti possono avere un tablet quando lo desiderano e un notebook quando ne hanno bisogno. In questo modo, gli educatori possono contare sulla flessibilità necessaria per creare un'esperienza di apprendimento più interattiva e collaborativa per i loro studenti".

Il dispositivo 2 in 1 Intel Education è basato su processore Intel® Atom™ Z3740D quad-core, con sistema operativo Windows* 8.1 e fino a 7,8 ore di durata della batteria in modalità tablet, con altre 3 ore o più opzionali di durata aggiuntiva della batteria quando inserito nella docking station2, per restare al passo con l'apprendimento degli studenti per tutta la giornata. Con il suo design resistente e durevole, il dispositivo 2 in 1 Intel Education è in grado di sopportare cadute anche da 70 cm ed è resistente all'acqua e alla polvere, per assicurare che il dispositivo possa resistere all'apprendimento pratico sia dentro sia fuori dalla classe. Il dispositivo include anche McAfee Antivirus Plus, che mantiene al sicuro gli studenti e i loro dispositivi, in modo che studenti e insegnanti non debbano sprecare tempo per l'apprendimento e l'insegnamento a causa di problemi di malware.

Il dispositivo 2 in 1 Intel Education è dotato di una lente di ingrandimento integrata che funziona con le applicazioni incluse nella suite Software Intel® Education, come ad esempio Intel Education Lab Camera, uno strumento accessibile per la visualizzazione e la misurazione di oggetti microscopici e macroscopici. Include anche un sensore di temperatura che funziona con il software SPARKvue per consentire esperimenti che stimolano la curiosità degli studenti. La suite di software comprende inoltre applicazioni per coinvolgere gli studenti, con strumenti che stimolano la ricerca nell'intero piano di studi, e promuovere un maggiore coinvolgimento con i contenuti, come ad esempio l'app Kno™, che offre a studenti e insegnanti l'accesso a una libreria di contenuti digitali globali con più di 225.000 titoli didattici. 

Il dispositivo 2 in 1 Intel Education 2 fa parte delle soluzioni Intel® per il settore dell'istruzione, che comprendono dispositivi, software, contenuti, servizi e sviluppo professionale degli insegnanti, destinati a trasformare l'apprendimento e l'insegnamento per favorire il successo degli studenti.

 

Informazioni su Intel

In un'economia sempre più globale, Intel Corporation riconosce che la curiosità, il pensiero critico e un'istruzione di qualità sono fattori essenziali per preparare in maniera adeguata le risorse umane per le professioni del XXI secolo. Ecco perché Intel collabora con amministrazioni pubbliche, ONG e con tutto il settore per far progredire l'apprendimento e consentire agli studenti di sviluppare competenze per una vita di successo. Intel è direttamente coinvolta nello sviluppo di soluzioni e programmi didattici e contribuisce inoltre con attività di sostegno e promozione per l'accesso alla tecnologia. I programmi di Intel sono personalizzati in base alle esigenze delle comunità locali, ma sono unificati dall'obiettivo comune di liberare il potenziale delle persone fornendo le capacità e le opportunità per il successo.  www.intel.com/education

 

 

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com.  

PALO ALTO (California) e SANTA CLARA (California), 27 marzo 2014 – Intel Corporation e Cloudera hanno annunciato una collaborazione strategica di ampio respiro in ambito tecnologico e commerciale, oltre a un importante investimento azionario di Intel, che diventa in questo modo il più grande azionista strategico di Cloudera e membro del Consiglio di amministrazione. Si tratta dell'investimento più imponente finora effettuato da Intel nella tecnologia per data center. Grazie a questo accordo, il software Cloudera per la gestione dei dati analitici aziendali, leader del settore e basato su Apache Hadoop™, verrà abbinato all'architettura all'avanguardia per data center basata sulla tecnologia dei processori Intel® Xeon®. L'obiettivo è di accelerare l'adozione di soluzioni per i big data, permettendo ad aziende di tutte le dimensioni di ottenere un maggior vantaggio competitivo dai dati implementando soluzioni Apache Hadoop open source. La collaborazione strategica e l'investimento azionario sono soggetti alle condizioni standard di chiusura, tra cui le consuete approvazioni richieste dalle normative vigenti.

Cloudera intende sviluppare e ottimizzare Cloudera Distribution, che include Apache Hadoop (CDH), per l'architettura Intel come propria piattaforma preferenziale, oltre a supportare un'ampia gamma di tecnologie di nuova generazione, tra cui Intel fabric, memoria flash e sicurezza. A sua volta Intel si impegna a commercializzare e promuovere le soluzioni CDH e Cloudera Enterprise presso i propri clienti come la propria piattaforma Hadoop di riferimento. Intel focalizzerà le proprie risorse tecniche e di marketing alla roadmap congiunta. Le ottimizzazioni per Intel Distribution per Apache Hadoop/Intel Data Platform (IDH/IDP) saranno integrate in CDH e IDH/IDP, e la transazione avverrà dopo la versione v3.1 alla fine di maggio. Per assicurare ai clienti una transizione senza problemi a CDH, Intel e Cloudera collaboreranno a definire un percorso di migrazione da IDH/IDP. Cloudera si impegnerà inoltre ad assicurare che tutte le ottimizzazioni vengano fornite ai rispettivi progetti open source e a CDH.

  La collaborazione con Cloudera promette di incentivare le iniziative di Intel nelle tecnologie per data center e per l'Internet delle cose (IoT, Internet of Things), consentendo ai clienti di gestire e analizzare dati generati automaticamente provenienti da un'ampia varietà di fonti, dai sensori ai gateway e a un'ampia gamma di dispositivi.

  "Allineando le roadmap di Cloudera e Intel, riusciremo a creare la piattaforma ideale per l'analisi dei big data", ha commentato Diane Bryant, Senior Vice President e General Manager del Data Center Group di Intel. "Prevediamo di accelerare l'adozione della piattaforma dati Hadoop nel settore e di permettere alle aziende di ricavare informazioni significative dai dati per il loro business. Questa collaborazione riguarda tutte le nostre tecnologie per data center, dal computing alla rete, dalla sicurezza allo storage, e amplia le nostre iniziative per l'Internet delle cose".

  Le due aziende confermano il loro impegno nei confronti della community open source, che è stata il fattore trainante di Hadoop. Intendono inoltre implementare strategie congiunte di go-to-market che prevedono programmi coordinati per prodotti, canali e vendite.

  “Hadoop ha trasformato completamente l'approccio ai dati", ha affermato Tom Reilly, Chief Executive Officer di Cloudera. "Grazie alla possibilità di archiviare, elaborare e analizzare tutti i tipi di dati, in modi sempre più innovativi, sussistono enormi potenzialità per realizzare grandi passi in avanti in ambienti aziendali, sociali e economici. La collaborazione con Intel, leader di settore nell'innovazione delle tecnologie per i data center, ci offre l'opportunità di inserire Hadoop nel framework di base delle piattaforme. Il risultato è un rapido aumento delle prestazioni con carichi di lavoro come l'estrazione di informazioni utili e significative. La visione di Intel di offrire soluzioni aperte e ottimizzate per le prestazioni per i big data è sinergica con la nostra visione di aiutare le aziende ad accelerare i tempi verso il successo".

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.Intel.com/community/it_it e blogs.Intel.com.

Intel è un marchio di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi.



Informazioni su Cloudera

Cloudera sta rivoluzionando la gestione dei dati aziendali con l'offerta della prima piattaforma unificata per i big data: Enterprise Data Hub. Cloudera offre alle aziende un'unica risorsa completa per l'archiviazione, l'elaborazione e l'analisi di tutti i dati, con la possibilità di sfruttare al meglio gli attuali investimenti e di ricavare valore aggiunto dai dati in modi completamente nuovi. Fondata nel 2008, Cloudera è stata e continua ad essere la prima azienda a fornire e sostenere Hadoop per le imprese. Cloudera offre inoltre software per operazioni impegnative e business critical sui dati, come archiviazione, accesso, gestione, analisi, sicurezza e ricerca. Con oltre 20.000 individui formati tramite training, Cloudera svolge un ruolo di leadership nella formazione di professionisti dei dati, grazie all'offerta più ampia del settore di programmi di formazione e certificazione su Hadoop. Cloudera collabora con oltre 900 partner di hardware, software e servizi per soddisfare gli obiettivi dei clienti per quanto riguarda i big data. Importanti organizzazioni di ogni settore eseguono software Cloudera in produzione, in settori come finanze, telecomunicazioni, retail, Internet, servizi pubblici, petrolio e gas, sanità, biofarmaceutica, networking e media, oltre alle principali organizzazioni della pubblica amministrazione di tutto il mando.  www.cloudera.com

In contatto con Cloudera

Blog: http://www.cloudera.com/blog/

Twitter: http://twitter.com/cloudera

Facebook: http://www.facebook.com/cloudera

Cloudera, Cloudera’s Platform for Big Data, CLoudera Enterprise Basic Edition, Cloudera Enterprise Flex Edition, Cloudera Enterprise Data Hub Edition e CDH sono marchi o marchi registrati di Cloudera Inc. negli Stati Uniti e in giurisdizioni di tutto il mondo. Tutti gli altri nomi di aziende e prodotti possono essere nomi commerciali o marchi dei rispettivi proprietari.

 

Dichiarazione cautelativa riguardante previsioni future

Il presente comunicato stampa contiene previsioni future relative a transazioni prospettate tra Intel e Cloudera, incluse, a titolo esemplificativo, affermazioni sugli investimenti azionari di Intel in Cloudera e lo sviluppo e l'adozione di tecnologia Hadoop e Intel per data center.  Gli eventi o i risultati effettivi potrebbero essere sostanzialmente diversi rispetto a quelli contenuti in queste previsioni basate su aspettative. Tra i fattori rilevanti che potrebbero determinare eventi o risultati futuri diversi rispetto a quelli indicati nelle previsioni future sono compresi rischi e incertezze derivanti, tra l'altro, da: possibilità che la chiusura delle transazioni possa essere ritardata o non verificarsi affatto; capacità di Cloudera di allineare la propria roadmap dei prodotti; domanda e accettazione del mercato dei prodotti offerti da Intel e Cloudera e sviluppo di tecnologie competitive.  Per altri fattori che potrebbero comportare variazioni dei risultati Intel rispetto alle previsioni, consultate i fattori di rischio illustrati di volta in volta nei documenti Intel depositati presso la Securities and Exchange Commission, tra cui il Form 10-K del più recente Report annuale, i Form 10-Q dei Report trimestrali e il Form 8-K dei Report attuali. Intel non si assume alcun obbligo di aggiornare o rivedere pubblicamente qualsiasi previsione futura.

Tramite questa collaborazione sarà possibile ottimizzare l'integrazione di FPGA Stratix 10 tri-gate a 14 nm con tecnologie eterogenee in un singolo System-in-a-Package


San Jose e Santa Clara (California), 26 marzo 2014 – Altera Corporation (Nasdaq: ALTR) e Intel Corporation hanno annunciato una collaborazione per lo sviluppo di dispositivi multi-die che sfrutta le competenze avanzate di Intel a livello di package e assemblaggio e la tecnologia all'avanguardia di Altera per la logica programmabile. Questa collaborazione rappresenta un ampliamento della partnership già instaurata tra le due società, in base alla quale Intel si occupa della produzione di SoC e FPGA Stratix® 10 di Altera con il processo tri-gate a 14 nm.

Con l'impegno congiunto sarà possibile sviluppare dispositivi multi-die che integrano efficientemente in un unico package SoC e FPGA Stratix 10 monolitici a 14 nm, tra cui DRAM, SRAM, ASIC, processori e componenti analogici. L'integrazione sarà realizzata con l'uso di una tecnologia di interconnessione multi-die eterogenea e ad elevate prestazioni. I dispositivi multi-die eterogenei di Altera offrono il vantaggio dei tradizionali approcci 2,5 e 3D, ma con condizioni economiche più favorevoli.

I dispositivi risponderanno ai requisiti di prestazioni, larghezza di banda della memoria e temperatura che interessano le applicazioni di fascia alta nei segmenti delle comunicazioni, dell'High Performance Computing, del broadcasting e degli ambienti militari.

Con il vantaggio della densità dei processi tri-gate a 14 nm di Intel e con la tecnologia brevettata di Altera per la ridondanza di FPGA, Altera sarà in grado di offrire il die FPGA monolitico dalla densità più elevata finora disponibile nel settore, con una maggiore integrazione di componenti di sistema in un singolo die. Altera sfrutta la propria leadership nello sviluppo del più grande die FPGA monolitico e la tecnologia di packaging di Intel per integrare ancora più funzionalità in una singola soluzione System-in-a-Package. Il processo produttivo di Intel è ottimizzato per offrire semplicità nella produzione con servizi di fonderia chiavi in mano che includono la produzione, l'assemblaggio e i test di dispositivi multi-die eterogenei. Intel e Altera sono attualmente impegnate nello sviluppo di campioni di prova destinati a semplificare i flussi produttivi e di integrazione.

"La nostra partnership con Altera per produrre FPGA e SoC di nuova generazione con il nostro processo tri-gate a 14 nm sta procedendo molto bene", ha affermato Sunit Rikhi, Vice President e General Manager di Intel Custom Foundry. "Grazie a questa collaborazione possiamo indirizzare i nostri sforzi in molte aree legate alla produzione e al packaging di semiconduttori. Le due aziende sfruttano le competenze reciproche con l'obiettivo principale di realizzare prodotti rivoluzionari per il settore".

"La nostra collaborazione con Intel per lo sviluppo di dispositivi multi-die eterogenei riflette l'impegno condiviso da entrambe le aziende di migliorare la larghezza di banda e le prestazioni dei sistemi di nuova generazione", ha commentato Brad Howe, Senior Vice President delle attività di ricerca e sviluppo di Altera Corporation. "Sfruttando le competenze avanzate di Intel nella produzione e nel packaging di chip, Altera potrà offrire soluzioni System-in-a-Package identificate come strategiche per soddisfare i requisiti generali di prestazioni".

Dichiarazione sul futuro

Il presente comunicato stampa contiene previsioni future relative a dispositivi Stratix 10 conformi ai principi Safe Harbour definiti nel Private Securities Litigation Reform Act del 1995. Gli investitori dovrebbero tenere presente che le dichiarazioni previsionali comportano rischi e incertezze che possono far sì che i risultati effettivi differiscano da quelli attualmente previsti, inclusi, a titolo esemplificativo, dipendenza da tempistiche di sviluppo dei prodotti, prestazioni di progettazione del software e di altri strumenti, tecnologia di sviluppo e capacità produttive di Altera e di terze parti, nonché altri rischi indicati nei documenti di Altera presentati alla Securities and Exchange Commission, di cui sono disponibili copie sul sito Web di Altera e che sono comunque disponibili dall'azienda senza alcun costo.


Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com.


Informazioni su Altera

Le soluzioni programmabili Altera® consentono a progettisti di sistemi elettronici di innovare, differenziare i prodotti e conquistare i mercati in modo rapido e a costi contenuti. Altera offre FPGA, SoC, CPLD, ASIC e tecnologie complementari, come la gestione energetica, per fornire soluzioni di fasci alta ai clienti di tutto il mondo. Seguite Altera tramite Facebook, Twitter, LinkedIn, Google+ e RSS, e iscrivetevi per ricevere e mail di aggiornamento sui prodotti e newsletter.

PUNTI PRINCIPALI

  • Il CEO di Intel annuncia un Intel Smart Device Innovation Center a Shenzhen e un Intel Capital China Smart Device Innovation Fund di 100 milioni di dollari per accelerare l'innovazione dei dispositivi intelligenti, tra cui sistemi 2 in 1, tablet, smartphone, dispositivi indossabili e Internet delle cose.
  • Effettua la prima chiamata pubblica dal vivo utilizzando la rete TD-LTE di China Mobile e la piattaforma evoluta Intel® XMM™ 7260 LTE.
  • Dimostra per la prima volta Intel SoFIA, solo pochi mesi dopo l'aggiunta alla roadmap Intel della nuova famiglia di SoC mobile integrati basati su Intel® Atom™ per smartphone e tablet entry level e a costi contenuti.
  • Annuncia la disponibilità delle soluzioni Intel® Gateway per l'Internet delle cose, basate su processori Intel® Quark™ e Atom™.

 

INTEL DEVELOPER FORUM, Shenzhen (Cina), 2 aprile 2014 – Mentre il settore del computing attraversa una rapida trasformazione, il CEO di Intel Corporation Brian Krzanich illustra i piani dell'azienda per sviluppare ulteriormente la propria presenza, da quasi 30 anni in Cina, e collaborare con l'ecosistema tecnologico in crescita, in particolare a Shenzhen, per accelerare nuove innovazioni e rimodellare il settore dell'informatica.

Durante il suo discorso di apertura, Krzanich ha illustrato in che modo Intel e l'ecosistema tecnologico di Shenzhen possono far ripartire la crescita – sia localmente che globalmente – e offrire prodotti ed esperienze di computing diversificati che abbracciano molteplici segmenti di mercato, sistemi operativi e fasce di prezzo. Sottolineando questo aspetto, ha annunciato la creazione di un Intel Smart Device Innovation Center (Centro di innovazione Intel per i dispositivi intelligenti) a Shenzhen e di un Intel Capital China Smart Device Innovation Fund di 100 milioni di dollari.

Il CEO di Intel ha inoltre anticipato i dettagli di diversi nuovi prodotti e tecnologie che l'azienda inizierà a rendere disponibili quest'anno, tra cui Intel® Edison, una piattaforma di computing per uso generico e pronta per la realizzazione di prodotti, concepita per la prima volta nei laboratori di ricerca Intel in Cina. Ha inoltre annunciato la disponibilità delle soluzioni  Intel® Gateway per l'Internet delle cose (IoT, Internet of Things), basate su processori Intel Quark™ e Atom™, e ha mostrato per la prima volta SoFIA, la prima piattaforma SoC mobile integrata per smartphone e tablet a costi contenuti.

Krzanich è stato raggiunto nel giorno di apertura del forum annuale per sviluppatori da Ian Yang, Presidente di Intel China, che ha dato il via alla conferenza, e da Diane Bryant, Senior Vice President e General Manager del Data Center Group di Intel, che - nel suo discorso - ha presentato le tecnologie Intel per data center come le fondamenta del computing attuale e ha illustrato le emergenti opportunità economiche offerte dalla crescita dei dispositivi intelligenti e connessi.

"L'ecosistema tecnologico cinese sarà determinante per la trasformazione del computing", ha dichiarato Krzanich. "Per contribuire a guidare l'innovazione globale, Intel continuerà ad offrire prodotti e tecnologie leader che non solo permettono ai nostri partner di innovare rapidamente, ma mantengono anche la promessa che quando si tratta di elaborazione, con Intel si ottengono i risultati migliori', dai dispositivi edge al cloud e a tutti i livelli intermedi".

Investire nell'innovazione in Cina

Basandosi sulla storia dell'azienda di abilitazione e collaborazione con i clienti per offrire piattaforme innovative, Intel istituirà un Intel Smart Device Innovation Center a Shenzhen per accelerare la fornitura di dispositivi basati su tecnologia Intel per il mercato cinese e non solo.

Il centro amplierà il lavoro di Intel oltre i tablet e fornirà accesso agli OEM, ODM e sviluppatori software locali alle piattaforme tecnologiche e al supporto Intel, compresi i principali progetti di riferimento per soluzioni pronte all'uso, strumenti di sviluppo, sourcing della catena di fornitura, gestione della qualità e assistenza clienti, agendo da tramite tra la concezione dei prodotto e la distribuzione commerciale.

Accelerando ulteriormente questo impegno, Krzanich ha annunciato un Intel Capital China Smart Device Innovation Fund di 100 milioni di dollari destinato ad accelerare l'innovazione di dispositivi intelligenti in Cina, tra cui sistemi 2 in 1, tablet, smartphone, dispositivi indossabili, Internet delle cose e altre tecnologie correlate. Il nuovo investimento consolida l'impegno di Intel Capital per lo sviluppo del settore IT in Cina e del relativo ecosistema. Dal 1998, Intel Capital ha investito più di 670 milioni di dollari in 110 società in Cina, tramite due fondi di investimento già consolidati.

Velocità per i dispositivi portatili

Man mano che il servizio 4G LTE si sta espandendo in Cina, Intel è ben posizionata per fornire una quota crescente di chipset LTE. La piattaforma LTE di Intel per il 2014, Intel® XMM™ 7260, soddisfa il requisito delle cinque modalità di China Mobile*, incluso il supporto per i protocolli TD-LTE e TD-SCDMA richiesti in Cina.

Intel è attivamente impegnata in Cina per la certificazione di XMM 7260, spianando la strada alla disponibilità commerciale nella seconda metà del 2014 per i segmenti di mercato dei dispositivi ad elevate prestazioni e mainstream. Krzanich ha effettuato una dimostrazione di Intel XMM 7260 facendo la prima chiamata pubblica dal vivo utilizzando la rete TD-LTE di China Mobile, fornendo una risposta alla forte domanda di un'alternativa LTE concorrenziale da parte dell'ecosistema.

Intel sta inoltre sviluppando la propria famiglia di SoC mobile integrati SoFIA per smartphone e tablet entry level e a costi contenuti. Krzanich ha dimostrato i primi risultati in silicio di questa famiglia di prodotti, avviando la nuova piattaforma Intel® Atom™ integrata solo pochi mesi dopo l'aggiunta del prodotto alla roadmap ultra mobile di Intel. Ha anche sottolineato l'opportunità strategica offerta da questi segmenti di mercato per Intel e gli ecosistemi tecnologici cinesi. La piattaforma 3G SoFIA di Intel è in linea con la previsione di fornitura agli OEM nel quarto trimestre del 2014.

Krzanich ha inoltre comunicato che Intel è a buon punto per quanto riguarda la previsione di fornitura per 40 milioni di tablet quest'anno, e ha presenta una varietà di design innovativi, sviluppati in Cina da OEM e ODM.

Facilitare lo sviluppo dell'Internet delle cose

Intel sta perseguendo attivamente una gamma di soluzioni, dai dispositivi edge al cloud, per soddisfare le crescenti opportunità offerte dell'Internet delle cose.

Krzanich ha annunciato la disponibilità delle soluzioni Intel® Gateway per l'IoT, una soluzione integrata basata su processori Intel Quark™ e Atom™, oltre a una piattaforma di sviluppo basata su Intel® Galileo. Queste piattaforme aiuteranno le aziende a ridurre i costi e offrire nuovi servizi, rendendo possibile l'accesso a dati preziosi derivanti da sistemi legacy che tradizionalmente non avevano modo di comunicare tra di loro e con il cloud.

Le prime piattaforme integrano software Wind River* e McAfee per contribuire ad accelerare il time to market e saranno offerte dall'ecosistema questo trimestre. I clienti che stanno sviluppando soluzioni gateway includono Shaspa* per energia e building automation, RocKontrol* per la gestione dell'energia, TransWiseway* e Vnomics* per il trasporto e Zebra Technologies Corp* per l'individuazione di soluzioni in ambito retail, healthcare e produzione.

Passando ad altri dispositivi intelligenti e connessi che contribuiscono alla realizzazione dell'Internet delle cose, Krzanich ha affermato che Intel® Edison è in linea per la disponibilità prevista nel corso dell'estate. 

La presentazione di Intel Edison fatta a gennaio ha ottenuto risposte entusiaste da parte delle comunità dei maker professionali e degli sviluppatori con capacità imprenditoriali, nonché dal settore dell'elettronica di consumo e da aziende che operano nel settore dell'IoT industriale. Krzanich ha comunicato che Intel sta estendendo Intel® Edison a una famiglia di schede di sviluppo destinate a soddisfare le richieste di una gamma più ampia di segmenti di mercato e di esigenze dei clienti.

La prima scheda Intel® Edison impiegherà la microarchitettura all'avanguardia Silvermont di Intel a 22 nm per lo sviluppo di un SoC Intel® Atom™ dual-core, offrirà maggiori capacità di I/O e supporto software e avrà un nuovo design industriale semplificato.

Keynote di Diane Bryant

Durante il suo discorso, Bryant ha mostrato come le tecnologie Intel per data center costituiscano le fondamenta del computing di oggi, e ha sottolineato che l'opportunità di collaborare e guidare lo sviluppo dell'innovazione, sia a livello locale che globale, è solo agli inizi. Man mano che le aziende stanno passando alla fornitura rapida di servizi digitali, i data center devono soddisfare nuove esigenze, creando per i partner opportunità di sviluppo di nuove innovazioni. Le tre principali aree di crescita sono il cloud, l'analisi dei big data e il computing a elevate prestazioni (HPC).

Bryant è stata raggiunta sul palco da Xuefeng Yuan, Direttore del Guangzhou Supercomputing Center, per mostrare come le tecnologie dell'High Performance Computing stanno migliorando la società e aumentando la crescita economica. Il sistema Milky Way 2 offre prestazioni di più di 54 petaflops, circa il doppio delle prestazioni del secondo classificato nell'elenco dei TOP500 supercomputer. La tecnologia Intel ha consentito alle aziende locali di approntare questo enorme sistema per iniziare ad ottenere importanti innovazioni scientifiche e nuove scoperte.

Intel ha anche reso noto che la famiglia di processori Intel® Xeon® E5-2600 v3 di prossima generazione basata sulla microarchitettura Haswell entrerà in produzione nella seconda metà di quest'anno.

 

Anteprima della seconda giornata dell'IDF

Doug Fisher, Vice President e General Manager del Software and Services Group di Intel, Hermann Eul, Vice President e General Manager del Mobile and Communications Group di Intel e Kirk Skaugen, Senior Vice President e General Manager del PC Client Group di Intel, apriranno la seconda giornata dell'IDF. Illustreranno gli avanzamenti di Intel nello sviluppo di hardware e software per sistemi mobile sia per Windows* che per Android*, le opportunità e le collaborazioni di Intel in Cina e con l'ecosistema tecnologico cinese e parleranno del modo in cui Intel collabora con i propri clienti per aiutarli a differenziarsi e sfruttare appieno i vantaggi offerti dai prodotti e dalle tecnologie Intel.

 

Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com.  

Le novità del 2014 includono caratteristiche della piattaforma orientate ai PC desktop, partnership con sviluppatori di software, nuove tecnologie dei processori.

 

PUNTI PRINCIPALI

 

  • Intel delinea una roadmap avanzata per le piattaforme desktop, con un nuovo processore Intel® Core di quarta generazione sbloccato, un processore Intel® Core Extreme Edition a 8 core/16 thread e un processore Intel® Pentium® Anniversary Edition in arrivo nel corso di quest'anno.
  • Conferma i piani per introdurre la grafica Intel® Iris™ Pro nei PC desktop con le versioni sbloccate della nuova famiglia di processori Intel® Core™ di quinta generazione, nome in codice "Broadwell".
  • Annuncia una serie di partnership con sviluppatori di software, come Sony Pictures Television* e Sesame Street*, per offrire un totale di oltre 170 nuove applicazioni consumer multitouch e multiutente destinate a PC desktop all-in-one.
  • Annuncia la tecnologia Intel® Ready Mode, che offre una nuova esperienza utente, immediatamente disponibile a basso consumo energetico per i PC desktop.1

 

GAME DEVELOPERS CONFERENCE, SAN FRANCISCO, 20 MARZO 2014 -- Intel Corporation ha annunciato una serie di miglioramenti della propria roadmap, caratteristiche della piattaforma e partnership con sviluppatori di software per reinventare il desktop computing.

 

I nuovi fattori di forma accattivanti, come i mini PC e i PC desktop all-in-one, continuano a stimolare l'interesse nei confronti di questa categoria, e Intel contribuisce a mantenere viva l'attenzione offrendo nuove funzionalità particolarmente richieste da utenti e aziende. Intel ha annunciato una serie di ottimizzazioni della propria roadmap concepite appositamente per gli utenti entusiasti, che sono tra i principali sostenitori del desktop computing. Il business dei PC desktop di Intel è stato particolarmente solido nel quarto trimestre del 2013, con fino al 7% di incremento del volume di piattaforme desktop rispetto all'anno precedente.2.


"Il business dei PC desktop è un segmento ampio e importante per Intel, che ha deciso di investirvi reinventando fattori di forma, esperienze utente e prodotti per i propri clienti", ha affermato Lisa Graff, Vice President e General Manager del Desktop Client Platform Group di Intel. "Gli utenti entusiasti, che rappresentano il target principale dei PC desktop, ci hanno chiesto di offrire di più e noi rispondiamo con un numero maggiore di core, overclocking migliorato e velocità più elevate".


Nel corso di un evento organizzato alla Game Developers Conference, Intel ha presentato in anteprima uno speciale processore Intel® Core™ di quarta generazione sbloccato, nome in codice "Devil’s Canyon", in programma per la metà del 2014, che include materiali migliorati per il packaging della CPU e dell'interfaccia termica, destinati a rendere possibili ottimizzazioni significative in termini di prestazioni e funzionalità di overclock. Per gli utenti che richiedono il numero massimo di core di processore e un'ampia larghezza di banda nei sistemi desktop, nel secondo semestre di quest’anno Intel introdurrà un processore Intel Core Extreme Edition a 8 core/16 thread, che supporterà il nuovo standard di memoria DDR4 e offrirà prestazioni straordinarie per i videogame, l'editing di video, i contenuti 3D e altri modelli di utilizzo di fascia alta.


Intel ha inoltre annunciato l'intenzione di offrire un processore Intel® Pentium® Anniversary Edition, progettato per festeggiare gli oltre 20 anni del marchio Pentium, con moltiplicatori sbloccati che offrono la possibilità di incrementare le frequenze di core e memoria indipendentemente dagli altri componenti del sistema. Sono inoltre stati confermati i piani per le versioni desktop sbloccate del futuro processore Intel® Core™ di quinta
generazione con grafica Iris™ Pro, nome in codice "Broadwell".

 

Diversificazione del segmento desktop: nuovi fattori di forma, nuovi modelli di utilizzo, nuovi utenti


L'ampia disponibilità di nuovi fattori di forma dei PC desktop ha alimentato la crescita del mercato e ha dimostrato che gli utenti desiderano design innovativi che sfruttino l'intera gamma di prestazioni e caratteristiche rese possibili da Intel. Dai mini PC a quelli in formato ultra compatto installati in luoghi inconsueti, come barche o chioschi, alla linea completa di nuovi sistemi desktop per videogame Steambox* con fattore di forma ridotto o ai PC all-in-one portatili da sistemare in cucina, queste piattaforme offrono una serie di vantaggi concreti. Sulla base dei nuovi design, Intel ha collaborato con numerosi sviluppatori di software per offrire applicazioni consumer multiutente e multitouch (MU/MT), ad esempio giochi da tavolo e titoli didattici, ideali per le dimensioni e le funzionalità touch dei PC all-in-one.


Sono stati annunciati dodici nuovi prodotti software, per un totale di oltre 170 applicazioni di questo tipo oggi disponibili. Jeopardy e Wheel of Fortune* di Sony Pictures Television, Crayola Color, Draw and Sing* e Tarzan Unleashed* di Legacy, Prankster Planet: Banana Blast Off!* di Sesame Street, Chubby Kings Penguins* di Ubisoft, Home Interior Design* di Black Mana, Snowflake ABC e Entertainment Suites* di Nuiteq, Halli Clack e Halli Galli* di Omnivision, Parking Friendzy* di Konnect e Interactive Storybook* di Playtales sono già disponibili nell'ecosistema.


Intel ha inoltre presentato un progetto di riferimento per PC all-in-one portatili, denominato "Black Brook", costituito da un sistema sottile e leggero che incorpora nuove funzionalità per offrire innovative ed entusiasmanti esperienze utente in qualsiasi punto della casa. Realizzato appositamente per favorire lo sviluppo di nuove tecnologie nel settore, Black Brook include una fotocamera 3D Intel® RealSense™ integrata, un array di quattro microfoni, audio di qualità superiore e schermo Full HD.

 

La tecnologia Intel® Ready Mode, già disponibile in alcuni sistemi OEM e prevista in molti altri nel corso del 2014, è una funzionalità che trae vantaggio dalle modalità a basso consumo del processore Intel Core di quarta generazione. Insieme alle ottimizzazioni a livello di software e scheda madre, questa tecnologia consente di realizzare computer desktop OEM immediatamente disponibili e sempre connessi, anche se con un consumo energetico ridotto1. Con un sistema abilitato per la tecnologia Intel Ready Mode e prodotti software di terze parti nuovi e già disponibili, il PC desktop può essere immediatamente utilizzabile con le app aggiornate oppure consentire automaticamente la sincronizzazione e l'archiviazione delle foto entrando in casa.1


Informazioni su Intel

Intel (NASDAQ: INTC), leader mondiale nell'innovazione del computing, progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo. Per ulteriori informazioni su Intel, consultate i siti Web newsroom.intel.com/community/it_it e blogs.intel.com

 

Intel è un marchio di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri Paesi.

*Altri marchi e altre denominazioni potrebbero essere rivendicati da terzi.

1Richiede l'acquisto di un PC desktop o di una scheda madre abilitati per la tecnologia  Intel® Ready Mode, un processore Intel® originale, connessione Internet, sistema operativo Windows* 7 o 8 Windows* 8 e software di terze parti. I risultati dipendono da hardware, applicazioni installate, connettività Internet, installazione e configurazione. Le prestazioni possono variare in base a hardware, applicazioni installate, connettività Internet, installazione e configurazione. Consente agli OEM di soddisfare le normative energetiche in base alle linee guida di testing pubblicate da organismi globali di regolamentazione energetica.

2Commento del CFO Intel su Q4 '2013 all'indirizzo intel.com

Filter News Archive

By author: By date:
By tag: